Greta brentano berlin fac sitting

greta brentano berlin fac sitting

Mindestens 35 Flüchtlinge vor Tunesien ertrunken. Danke für Ihre Bewertung! Klingt unbefriedigend, schmeckt aber nach eiskaltem Gazpacho.

Wann haben Sie das letzte Mal aus den Resten den Hauptgang gekocht? Ihr Kommentar wurde abgeschickt. Bericht schreiben Im Interesse unserer User behalten wir uns vor, jeden Beitrag vor der Veröffentlichung zu prüfen. Bitte loggen Sie sich vor dem Kommentieren ein Login Login. Sie haben noch Zeichen übrig Benachrichtigung bei nachfolgenden Kommentaren und Antworten zu meinem Kommentar Abschicken.

Sie waren einige Zeit inaktiv. Ihr zuletzt gelesener Artikel wurde hier für Sie gemerkt. Disney lustiges taschenbuch Gebundene ausgabe buch 1 lustiges taschenbuch Lustiges Taschenbuch kaufen Donald duck taschenbuch Shades of grey Bücher kaufen Goldmann Taschenbuch Donald duck lustiges taschenbuch Shades of grey kaufen Lustiges taschenbuch gebraucht.

Wenn Florian Silbereisen Dieter Bohlen anruft. Das beste Paar der Staffel fällt beim Publikum durch. Mit Gutscheinen online sparen. Ein guter Wein muss sein! Reisehighlights zu den schönsten Zielen der Erde. Das Herz fehlt ihm aber auch noch aus einem anderen Grunde. Das einzige, was Papa in dieser ganzen Gelegenheit mit einem wenigstens oberflächlich scheinbaren Grund sagen kann, ist das: Auch das ist eine Herzlosigkeit. Gegen geistige Widersacher pflegt der anständige Mensch mit geistiger und nicht mit materieller Enterbung Mitteln zu kämpfen.

Mit all der Begriffsverwirrung verbindet er die für mich sehr wenig schmeichelhafte Hoffnung auf einen endgültigen Sieg, nicht seines Geistes, nicht seines Herzens: Und nun noch ein Wort zu Dir, Mama. Und dafür bin ich Dir Dank schuldig und zolle ihn Dir gern und aus vollstem Herzen. Aber das eine steht klar.

Du wirst Deinen guten Willen nicht eher durchsetzen können, bevor Du Dir endlich Klarheit über die Sachlage verschafft bez. Dich zu ihr durchgerungen hast. Dinge wie in Deinem letzten Brief die Nr.

Ich komme den 5. Ja, soll ich unter diesen Umständen überhaupt kommen??? Freust Du Dich darauf? Questo provoca addirittura una catastrofe nel caso del figlio di una famiglia appartenente all'alta borghesia [ Robert Michels sull'ingiustizia tra i poveri e i ricchi. Proprio a causa della sua militanza politica fu sottoposto a sorveglianza dal 27 ottobre al 5 aprile da parte della Polizia del Regno, Presidio di Berlino.

L'anno fu carico di eventi drammatici: Eventi cruciali del Presumibilmente nello stesso anno ripresero i rapporti tra padre e figlio come appare dall'appunto scritto in italiano da Roberto Michels al rientro da Parigi: Il partito non vale la spesa di una vita onesta, di un avvenire forse ostile, di una carriera modesta, ma possibile.

Te ne ringrazio molto. Ho da fare un grosso lavoro nelle prossime settimane. Spero che la mia salute non mi pianti in asso. Il tuo fedele figlio Robert. Siine ringraziato da parte di tutti noi quattro! Lieber Papa, bin wieder auf und bedaure, dass das nicht einige Tage früher geschehen konnte. Freilich bin ich noch sehr herunter und war vielleicht im Bette amüsanter anzuschauen wie jetzt.

Dann wäre wir ja beinah Berufs-Kollegen, und ich gratuliere dazu, da ich meinen Beruf lieb habe. Dein Besuch war sehr gemütlich. Wenn er dazu beigetragen haben sollte, meine alte unglückliche Liebe zu Dir in etwas Glückliches zu gestalten, wäre ich froh. Ich habe in den nächsten Monaten faustdicke Arbeit zu tun.

Dein getreuer Sohn Robert. Sei herzlich dafür bedankt von uns allen vieren! Teil schon am Kongress zur Bekämpfung der Arbeitslosigkeit Sept. Du siehst, ich habe wenig Zeit zum Atemholen und den Kopf so voll, dass ich kaum schlafen kann. Aber es ist wirklich wahr: Anche qui sottolinea alcuni passi per dare maggiore enfasi: Marburgo 11 luglio Speriamo vivamente, tutti e cinque, che non ti farai scappare l'occasione, senza utilizzarla, e che verrai qui a trovarci o nel viaggio d'andata o di ritorno da Godesberg.

Molte grazie per la tua preoccupazione circa la mia salute ed il mio ulteriore avanzamento di carriera. Mi devi lasciare in pace sotto il profilo scientifico. Questo sarebbe molto triste. Venendo al dunque, devo dire che non ti capisco, dal momento che in altri ambiti possiedi buone conoscenze, che ogni tanto anch'io imparo volentieri da te. Ora, contrariamente al mio volere iniziale ed il mio scarso tempo, ho scritto ugualmente un piccolo catechismo sociologico.

Cordialmente, il tuo fedele figlio, Robert Michels. Lieber Papa, vielen Dank f ü r Deinen lieben Brief. Wir hoffen sehr , alle f ü nf, dass Du die Gelegenheit nicht unbenutzt vorbei gehen lassen wirst und uns entweder auf der Hin- oder auf der R ü ckreise nach Godesberg hier aufsuchen wirst. Du sollst mich wissenschaftlich in Ruhe lassen. Was Du verlangen kannst, ist h ö chstens, dass ich Dir von meinen Arbeiten nichts mehr erz ä hle.

Das w ä re sehr traurig. Zur Sache selbst muss ich bemerken, dass ich Dich, da Du in anderen Dingen ü ber so gute Kenntnisse verf ü gst, dass auch ich hier und dort gerne von Dir lerne, nicht verstehe. Wie kannst Du nur in aller Welt von einem Vortrag in einem b ü rgerlichen Kongress, der von b ü rgerlichen Professoren besucht und von Regierungsvertretern eingeweiht wird, einem Kongress, dessen Teilnahme mir m ö glicherweise von der Partei sehr verargt werden wird, die soziale Revolution erwarten!!

Der wesentliche Faktor dieser Entwicklung ist der Kapitalismus selbst der, immanenten Gesetzen folgend, den Mittelstand immer mehr vernichtet und die Kapitalsakkumulation Truste, Kartelle, Aktienvereinswesen, letzteres allerdings nur zum Teil vollzieht und die wirtschaftliche Kluft zwischen Besitz und Nichtbesitz bis zur Karikatur steigert. So schnell aber diese Entwicklung vor sich geht, so hat es doch noch gute Weile, bis die Ö konomie, mehr aber noch, bis die Psychologie zum Sozialismus gereift ist.

Noch ein Wort zur Kl ä rung des Begriffes "Revolution". Es gibt kaum noch einen Sozialisten heute, der dieses Wort im Heugabelsinne auffasst. Die Revolution ist f ü r uns ein Ziel , nicht ein Weg. Das ist einfach Glaubenssache. So, nun habe ich, entgegen meinem urspr ü nglichen Willen und meiner knappen Zeit, doch einen kleinen sozialwissenschaftlichen Katechismus niedergeschrieben. Auf jeden Fall aber schien es mir f ü r unser gegenseitiges Verst ä ndnis dienlich, wenn Du wenigstens ü ber das, was ich unter sozialer Revolution verstehe, in grossen Z ü gen informiert bist.

In essa dichiara di avere inviato i soldi a Roma secondo la richiesta di Gisella, presso casa Giuliani in via dei Condotti Non si sono trovate altre lettere fino a quella che Roberto scrisse da Torino nel dicembre del Lieber Papa, Deine Wünsche vom Dezember bis zum 9.

Januar erwidere ich auf das Herzlichste. Auch ich bin weit davon entfernt, Dir gegenüber an die Erfüllung eigener Wünsche zu denken, und würde mich schon glücklich preisen, wenn Du es über Dich - und über andere - bringen könntest, mich, Unmöglichem entsagend, lieb zu haben, so wie ich bin, mit allen meinen guten Seiten, allen meinen vermeintlichen Fehlern und allen meinen wirklichen Fehlern.

Du weisst, wie sehr ich diese innere Versöhnung ersehne. Du selbst weisst aber auch, wie unmöglich es ist, Gedanken Zwang anzutun, ganz besonders dann, wenn man, wie ich, tagtäglich Gelegenheit hat, die Gedanken zu prüfen und zu stärken. Mein Weihnachtswunsch klingt in einem Traum aus, zu dem nur ein bisschen Willensakt gehört, auf dass er zur Wirklichkeit werde: Pensa, un sesto delle entrate!

Denke, ein Sechstel des Einkommens! Heute bin ich zwar selbst etwas in Verdienst gekommen, aber in noch Höherem Grade als die Einnahmen wachsen die Ausgaben. So kommt es, dass ich mich entschlossen habe. Evidentemente Julius fu d'accordo e Il 15 settembre proponeva al figlio di rendere formale la quota di marchi da erogarsi annualmente, in modo da poterla dedurre dalle tasse.

Marianne cita subito dopo alcune affermazioni fatte da Max Weber su questo giornale: Fin dal [ La famiglia Michels in via Provana a Torino.

Album della madre di Gisella, Agnes Lindner. Marianne Weber ricorda la sosta a Torino del marito nell'aprile del Sono arrivato ieri a mezzogiorno; alla stazione ho trovato Michels con quella piccola e graziosa civetta di Manon.

Alloggio in un albergo alla buona e sono andato a pranzo dai Michels. Discussione poi nel pomeriggio; di sera, fino alle undici, diversa gente. Adesso, ancora qualche ora a Torino: Nel pomeriggio, proseguo per la Riviera. Ma a Torino sono stato quasi sempre dai Michels. I bambini dormono con la domestica sul divano, nella cameretta di lato. La prima sera da soli e abbiamo disputato fino all'una e mezzo di notte.

Io ho avuto il primo premio per il talento nel gioco; per il resto, in nulla. I bambini sono di una favolosa naturalezza nel loro giudizio. Convenivano ai ricevimenti oltre la sua Gina e la sua Paola, il figlio prof. Sopra al gruppo si legge la seguente dedica: Sodales quos per Urbem Lautetia pilotavit laudabiliter.

Fu a casa Lombroso che Roberto Michels conobbe nel il Marchese Raniero Paulucci de Calboli che tanta parte ebbe nella sua vita in epoca successiva, come lui stesso racconta: Mi univano al Paulucci di Calboli, oltre i legami d'ordine ufficiale, vincoli di amicizia personale e di quasi colleganza scientifica. Fu a un pranzo a casa Lombroso verso il , che chi scrive ebbe l'onore di fare la conoscenza degli illustri coniugi [Paulucci de Calboli]. Nell'agosto del la famiglia Michels si trovava a San Pellegrino, presso Bergamo, dove Gisella faceva una cura termale.

Si accompagna spesso col professor avv. Il 18 marzo infatti fu inviata una lettera circolare ad amici e conoscenti in cui si diceva: Egli lascia a malincuore il nostro paese, al quale si sente ormai legato da sentimenti di cittadino e di figlio, e gli amici, che con vivo rammarico lo vedono allontanarsi, mentre sperano di salutarne presto il ritorno, intendono, a testimonianza del loro affetto per l'uomo e della loro ammirazione per lo scienziato, riunirsi a convito attorno a lui ed alla sua egregia, buona e colta Signora, che segue con amore e lieto tormento l'ascensione del compagno della sua vita.

Si spera che V. Michele - Berutti Alberto - Bistolfi Comm. Leonardo - Casalini On. Alberto - Guglielmo Ferrero - Lombroso Dott. Conte Leopoldo - Norlenghi Dott. Camillo - Villavecchia Giulia Dellavalle. Le adesioni si ricevono fino al giorno 28 corr. Michele Berardelli, via Fabro, N. Attorno a lui e alla gentile sua signora erano: Leonardo Bistolfi, il prof. Tedeschi, presidente dell'associazione dei liberi docenti, il dott. Durante questa occasione gli amici gli consegnarono una pergamena come testimonianza di stima e rimpianto con la seguente dedica: Vale, o compagno carissimo alle nostre menti ed ai nostri cuori, e possano i tigli germanici rinverdire al pensoso tuo capo i non effimeri allori, che la primavera italica ha per te germogliati.

Torino 31 marzo Non mi stancai di scrivere in Italia un libro sul commercio germanico, ed un altro sulla Francia contemporanea, e pubblicai, in Francia ed in Germania dei lavori sull'Italia. Come cittadino, optai una volta, nel Tredici, e per l'Italia. Mi comportai da italiano, quale ormai ero. I tedeschi mi accusavano, i francesi e gli inglesi mi spendevano lodi di essere stato l'autore del libro: Non era mia la funzione di scrivere libri anonimi in momenti che richiedevano visiere aperte.

Oggi ho ricevuto molta posta arretrata da parte tua. Sono molto felice che ti trovi bene in montagna e che ti stai riprendendo. Purtroppo la guerra allunga le sue ombre anche sulle tue montagne, intanto io devo importunarti con questioni molto gravi. Non dobbiamo di fatto lasciare sole le bambine. Le strade sorvegliate dai soldati svizzeri con le baionette inastate. Tutti gli accessi per la Germania interrotti.

Del resto non ho neanche il denaro per andarci. Mosca consiglia un nuovo tentativo mediante un atto notarile, che si potrebbe ottenere, [in cui si dichiara] che noi siamo residenti a Torino. Vediamo [in italiano nel testo]. Con Manon sulle spalle [in italiano nel testo]. Voglio immensamente bene a te e ai bambini e sono. Heute erhalt ich viele nachträgliche Post von Dir.

Glaube an die Vernunft im Menschenleben. Er vergiftet auf Jahre hinaus unsere freundschaftlichen und verwandtschaftlichen Beziehungen in Deutschland u. An Prof essur in Deutschland ist nunmehr kaum noch zu denken. Wir dürfen eigentlich Mädchen nicht allein lassen. Alle Zugänge zu Deutschland abgeschnitten. Andererseits habe ich zum Hingehen kein Geld.

Auch sonst Schwierigkeiten in Hülle u. Cittadinanza nicht bewilligt, da ausgewandert. Mosca rät nochmaligen Versuch mit notariellem Akt, dass wir in Turin ansässig sind, der zu erwirken wäre. Unterdessen bin ich als Bürger keiner Welten allem ausgesetzt und vogelfrei. Mit Manon sulle spalle. Vorderhand setze ich Reiseroute fort und fahre Freitag früh nach Celle.

Aber früher noch hoffe ich Brief und Rat von Dir. Ich habe Dich und die Kinder unsäglich lieb und bin Dein trauriger B.

Il giorno dopo, il 3 agosto, sempre da Venezia scriveva a Loria: Tu sai che sono tedesco; sai quante amicizie ho in Francia, per la Francia. La morte, sia pur ingiusta di un arciduca non mi sembra che valga tante giovani vite distrutte [ Contributo alla psicologia della guerra mondiale ".

L'aver preso posizione per l'Italia lo mise in cattiva luce presso i tedeschi, presso gli svizzero-tedeschi di Basilea e gli austriaci, come testimoniano gli attacchi cui fu soggetto in questi anni dalla stampa di questi paesi. Non posso assolutamente giudicare se questa notizia sia giusta o no e mi permetto di chiederle, sulla base delle relazioni esistenti tra di noi, se abbia scritto una tale lettera, se in particolare sia divenuto italiano, se abbia educato i Suoi figli del tutto italianamente sia nella lingua sia nei sentimenti e se Lei anche oggi, dopo lo scoppio della guerra tra l'Austria e l'Italia, stia dalla parte dell'Italia.

Con la massima stima, Julius Springer. Nell'ultima lettera di Springer del 7 settembre , in cui l'editore recide il contratto di stampa di un testo di Michels sull'Italia, scrive: I tempi che corrono sono d'altronde tali da diminuire di molto il desiderio di mantenere vivi i rapporti d'amicizia.

Coi tedeschi, per esempio, ho dovuto troncare, dopo qualche tentativo fallito, ogni e qualsiasi corrispondenza. E non parliamo poi dei tedeschi di Basilea. Circa l'atteggiamento di Weber sulla guerra scrive infatti Marianne Weber: Fu scritto col sangue stesso del mio cuore. Non sono mai stato tenero per il cosmopolitismo vago ed indeciso. Lei sa che io ho scelto, e come ho scelto. Come vede il fegato non ci fa proprio difetto!

In data 26 luglio Gisella ricevette infatti dal cav. Legazione d'Italia a Berna su incarico del marchese Paulucci de Calboli la seguente lettera: Gentilissima Signora, Sua Eccellenza il Marchese Paulucci de Calboli mi ha incaricato di porgerle riscontro della sua di ieri. Contro tale pericolo S. Rispose Roberto Michels, per mano di Gisella, il 29 luglio Spinazzola, dietro suo incarico, le scrisse [ Ritengo che la fiducia che Ella mi ha voluto dimostrare e le numerose prove di amicizia di cui Ella mi ha voluto onorare, mi autorizzano a dirle, lealmente, che questa lettera mi ha profondamente ferito.

Essa infatti ci qualifica quale stranieri appartenenti a Paesi nemici e ci minaccia, o quasi, qualora volessimo andare in Italia, di essere mandati in un campo di concentramento La lettera del cav. Un altro motivo di attacco da parte dei giornali tedeschi fu il battesimo dei figli: Il battesimo e la prima comunione secondo la religione cattolica ebbe luogo il 25 dicembre del nella Cappella della Missione Italiana a Basilea.

Nel Roberto Michels fu sottoposto in Germania a processo penale. Gli atti del processo sono conservati nel Landesarchiv Baden-Würtenberg []. Infatti lo scoppio della guerra impone loro di decidersi all'improvviso tra i due elementi costitutivi del loro essere spirituale, e le spinge a recidere prematuramente e quindi innaturalmente elementi naturali, non suscettibili d'eliminarsi senza portar danno all'anima della vittima. Durante il periodo di guerra, a Basilea, scrisse il 20 ottobre la seguente riflessione: Anche Giulio Casalini, deputato del Parlamento italiano, ed amico di Michels fino dal , invitato dalla stessa Associazione, tenne una conferenza in quell'occasione.

Dopo la conferenza l'Eisner fu ospite in casa Michels. Roberto Michels, che aveva ricevuto strane telefonate da sconosciuti che chiedevano del Presidente, lo mise in guardia: In ricordo di quattro giornate indimenticabili e con una riconoscenza profonda. Nello stesso anno compie un viaggio in Cecoslovacchia di cui informa con una breve relazione il R. Console Generale d'Italia a Basilea.

In un pomeriggio del periodo pasquale del conobbe di persona Mussolini, come egli stesso ricorda nel suo libro " Italien von heute": Nello scorso mese di marzo-aprile ha avuto luogo a Davos nei Grigioni Svizzera il primo corso universitario organizzato, su basi finanziarie locali, da un Comitato particolare diretto dal noto Sportman e medico davosiano dott.

Müller e dal prof. Siccome, oltre agli studenti malati residenti a Davos [ Mendelssohn-Bartholdy, diede ai corsi universitari di Davos un lustro e una ripercussione grandissimi. In altri termini, i tedeschi facevano di tutto, onestamente, per ammettere, anzi, per mettere in luce il contributo che nel ramo della scienza da essi rappresentato, avevano dato, e seguitavano a dare, i francesi e viceversa.

Seguirono negli anni altre tovaglie con le firme di Max Weber, Sombart, Giulio Casalini, di pittori, scultori e infiniti altri tra cui i generi Mario Einaudi e Filippo Gallino. In una lettera alla moglie Gisella del 25 marzo aveva scritto: Devono volermi avere liberamente. Alla partenza da Basilea Roberto Michels ricevette come ricordo un grande piatto di peltro con un drago alato a sbalzo, che tiene tra gli artigli lo stemma di Basilea, e sul bordo la scritta: La Dante Alighieri e gli amici della Colonia di Basilea Il Presidente della Renaissance, Alfred Stöcklin, tenne un lunghissimo discorso.

In un quaderno di appunti scrisse in italiano la seguente riflessione: Infatti, me ne sono provenute infinite noie, malintesi ed apprezzamenti ingiusti sul mio conto. Sembra che Michels [ Per quanto riguarda l'antisemitismo o meno di Roberto Michels, scrive Corrado Malandrino: Chi conosceva Michels sapeva bene che fra tutti i difetti possibili, persino negli anni finali di adesione alla fede fascista e nazionalista, non aveva quello del razzismo.

Nonostante cercasse di essere trasferito a Roma o a Torino, e questo soprattutto nel , Roberto Michels rimase a Perugia fino alla morte, sopravvenuta a Roma nel maggio del Una forte emorragia al naso lo aveva colto il 13 febbraio dello stesso anno nel corso di una conferenza a Bordeaux in Francia.

Riuscirono a tamponare il flusso e riprese la conferenza. Rimasto poi a letto due giorni a Bordeaux, volle proseguire il suo giro di conferenze per cui tenne a Toulouse una seconda conferenza il 17 febbraio, ed una terza il 21 febbraio a Montpellier.

Fu ricoverato in clinica per otto giorni. Funerali solenni di Roberto Michels. Dietro al feretro Filippo Gallino accanto alla moglie Daisy. A lato Hubert Lagardelle il secondo. Reggevano i cordoni S. Dietro al feretro la moglie Gisella tra i figli Mario e Daisy. Il medaglione che si trova sulla tomba a Campo Verano, Pincetto vecchio, riquadro n.

Accanto a Roberto Michels riposano la moglie Gisella, morta il 9 novembre ad Alassio, e il figlio Mario, morto a Torino il 27 aprile Chi visiti la tomba di Michels [ Con questo epitaffio il patriottismo di Michels assume una nota del tutto particolare: In anni recenti e da ultimo, quasi presago della sorte che il 2 maggio gli chiudeva il cammino della vita iniziato il 9 gennaio , aveva riandato la storia della sua famiglia, ricollegando la vita dell'avo renano Peter Michels e del cugino materno ispano-fiammingo Don Juan van Halen agli avvenimenti del tempo in cui vissero.

A scrivere di storia lo spingeva la simpatia verso gli uomini dei cui fatti egli narrava le vicende o le cui teorie voleva ricostruire. I moltissimi amici, che egli aveva in Italia e fuori, se li era meritati per la cordiale attitudine anzi il vivo desiderio di vederli in quello che essi avevano di buono, di intelligente, di attraente.

Alla fredda logica anteponeva il calore dell'intuizione. Il suo campo preferito erano le no man's lands, i terreni di nessuno, nel luogo dei grandi nodi stradali, dove le scienze, le idee, i partiti ed i popoli si incontrano, si mescolano e si arricchiscono l'un l'altro. Scrive Emma Schiavon in un suo saggio: Nella commissione organizzativa del Congresso entrava per la prima volta anche la tedesca socialista, femminista e studiosa della cooperazione Gisella Lindner Michels, moglie del noto sociologo ed economista Roberto Michels.

Su di un quaderno di appunti dell'epoca di guerra, Roberto Michels scrisse in italiano: Persone illustri che vollero tanto bene alla Gisella: Il rapporto tra Roberto e Gisella fu sempre di estrema collaborazione: Gisella Michels-Lindner, collaboratrice scientifica attenta ed indispensabile del marito, fu lei stessa autrice di ricerche originali sulla disoccupazione, sul movimento cooperativo e municipalista tedesco e italiano. Si ricordano di lei i seguenti scritti: Gisella Michels Lindner, di Roberto moglie amata, inseparabile compagna nelle peregrinazioni ideali e pratiche della vita, madre dei suoi cinque figli.

Dal all'anno della sua morte, , Gisella, abbandonata la casa di Roma era ritornata in Piemonte, a Dogliani, nel cuneese, al "Tecc Prott", casa che il consuocero Luigi Einaudi aveva fatto riattare per lei.

Durante la seconda guerra mondiale dal al , la casa fu requisita da soldati tedeschi. Gisella fu costretta a trasferirsi nella vicina tenuta Abbene, appartenuta un tempo allo zio materno del senatore Luigi Einaudi, Francesco Fracchia, e riacquistata dallo stesso Luigi nel Nel precipitoso trasloco fu smarrita la collezione di francobolli rari e preziosi, l'unica collezione ancora in possesso di Gisella Michels.

Si conosce molto poco della famiglia Lindner. Porcio Latrone Commentatio ". Di lui non si hanno ulteriori notizie. A Breslau l'anno successivo nacque la prima figlia Hildegard Lindner. Fu insignito della nomina di Geheimer Rath , Consigliere Intimo. Diede prova di umorismo in una riunione studentesca in occasione delle Giornate della Storia del alla Burse zur Tulpe [] con il suo discorso in cui illustrava il significato della birra per il popolo tedesco.

Al suo funerale parlarono allievi e colleghi e per suo espresso desiderio nessun religioso. Fece la volontaria per 2 mesi nell'Istituto di patologia del Consigliere intimo Dr. Eberth, tre mesi nella Clinica per donne del Dr. Fu la prima donna medico ad esercitare a Danzica dal al Voci in famiglia, non documentate, parlavano di un vagone piombato con cui fu trasportata in Polonia. Theodor Lindner, la figlia Hildegard e il marito Carl Catoir. La madre di Gisella, Agnes Kügler , era pronipote diretta da parte di madre di Johann Adolph Sack , uno degli undici fratelli del fondatore della Sack'sche Familienstiftung.

L'origine di questa Fondazione risale a Simon Heinrich Sack Non avendo discendenti diretti, decise di lasciare i suoi beni, tramite una fondazione, alla numerosa discendenza dei fratelli, ma la morte lo colse prima di riuscire a realizzarla. La Sack'sche Familienstiftung esiste ancora dopo duecento anni, e la sua azione continua nello spirito di Simons Heinrich Sack; essa riunisce a tutt'oggi circa 6. Essa vantava sin dagli inizi tra i suoi membri un gran numero di magistrati, di alti funzionari dello stato e di membri del clero, tra cui il cugino di Simon Heinrich, August Friedrich Wilhelm Sack , noto teologo e filosofo, chiamato alla corte del re di Prussia Federico II come predicatore.

Nato il 3 dicembre a Marburgo a. Lahn, cittadino italiano di Antagnod d'Ayas, Valle d'Aosta [ Successivamente studiai per un anno come ingegnere chimico industriale al Politecnico di Torino.

Dal al lavorai sulla cellulosa acetilica processo di acetilazione, smalti e vernici, materiali plastiche e pellicole , inoltre mi occupai di solventi e ammorbidenti per la ditta "Lonza A.

Negli anni continuai gli studi di chimica organica pratica e lavorai come collaboratore per la ditta di seta artificiale "Rhodiaseta" con lavori sulla saponificazione della fibra di cellulosa acetilica, studi sull'assorbimento da parte degli aldeidi, soprattutto di idrati di cloralio e derivati della cellulosa. Dall'inizio del fino all'inverno del fui dirigente del reparto di chimica della ditta di seta artificiale "Soieries de Strasbourg". Nell'estate del fui inviato in Russia per avviare la ditta di seta artificiale "Pjatilietca" di Leningrado.

Tornato dalla Russia conclusi lo studio iniziato sotto la guida del signor Professore P. Nel Mario Michels, presentato dal cognato Filippo Gallino al sen. Nel trascorse 5 mesi in Polonia, tra Cracovia, Varsavia, Vilnius e Gdinia, specializzandosi in paesaggi, oltre che nei ritratti cui si era dedicata in precedenza.

Al rientro in Italia, nel marzo del , espose a Roma, sotto il patrocinio dell'Istituto italo-polacco, 42 quadri e 35 disegni di impressioni di viaggio dedicati alla Polonia.

Conseguita la libera docenza nel , l'anno seguente fu incaricato di storia delle dottrine politiche a Messina. Manon Michels fin da giovanissima accompagnava il padre nei suoi viaggi, facendogli da segretaria e diventando un'ottima collaboratrice. Dal testo di Manon Michels si viene a conoscenza che anche Roberto Michels, non solo la moglie Gisella, sapeva suonare il pianoforte: Invitato insieme all' on.

Pierazzoli ad una delle riunioni che tradizionalmente si tenevano a casa Michels, vi conobbe la figlia Daisy. Nell'informare i propri genitori in una lettera del 18 maggio, scrisse: Sono tedeschi naturalizzati italiani da prima della guerra.

Conoscono il piemontese meglio dell'italiano. Nello stesso anno aveva abbandonato la carriera diplomatica intrapresa nel e era entrato nello studio legale romano della Cartiera di Verzuolo Ing. A Torino nel nacquero i gemelli Anna e Roberto, nel a San Mauro torinese, sulla collina di Superga, dove i Gallino si erano stabiliti dal , nacque l'ultimogenita Maria Costanza. Le parti che seguono, spiccatamente di carattere genealogico, risulteranno alquanto pesanti per il lettore.

Scrive Roberto Michels nel saggio sul nonno Peter a proposito della moglie di lui Constance: I van Halen provengono da un'antica stirpe nobile di Weert nel Limburg. La sua vedova era una francese, nata Simon. Dopo la morte di suo marito Madame Maria Marguerite aveva dovuto faticare veramente con i suoi nove figli. Le sue opere di trovano al museo di Anversa. La famiglia van Halen ha origini lontane. Nel quattordicesimo secolo apparve un Simon van Halen il cui vero nome sembra fosse Mirabello, italiano.

Don Antonio padre aveva abbracciato la carriera militare e al momento della nascita di Don Juan era Luogotenente di Fregata. I van Halen sono d'origine fiamminga, sebbene per la maggior parte di lingua francese. La nonna paterna era irlandese. A questo punto Roberto Michels fa la seguente riflessione: Tutta la sua vita ne fornisce le prove. Don Juan rappresenta una particolare sintesi tra un eroe, un avventuriero e un filosofo. Su questi volumi di memoria aggiunge nel saggio su Don Juan: Tornando al testo Peter Michels: A Bruxelles in Place de la Dependance esiste un monumento che raffigura don Juan van Halen con la sciabola, ma il monumento non porta il suo nome.

Ogni vita umana di qualche rilievo giunge ad un punto culminante. Il punto culminante della vita di Don Juan van Halen consiste incontestabilmente nel ruolo eminente ch'egli ha avuto nella rivoluzione belga.

In Belgio, al contrario, l'azione di van Halen emerge; essa tocca uno dei crocevia della storia europea; essa si annovera tra i grandi avvenimenti del XIX secolo. Bruxelles , 25 settembre. Dedizione e fratellanza sincera, Juan van Halen.

Nella famiglia Michels aleggiava viceversa questa versione, come riporta Roberto Michels nel Peter: Don Juan rimase ancora per alcuni anni a Bruxelles, ma fu richiamato in Spagna nel dove assunse il comando di una divisione con la quale sconfisse i Carlisti a Navarra.

Per questo motivo il 22 febbraio fu nominato Conde de Peracamps. Dal matrimonio nacquero ben nove figli dai quali discesero molti rami di Neven in Olanda, Belgio e Germania.

Mathieu Neven era quindi fratellastro di Constance van Halen , la moglie di Peter. Mathieu Neven, fratellastro di Constanze Michels van Halen. Album di Gisella Michels. August Libert, che si occupava inizialmente dell'azienda fondata dal nonno, la Math. Neven , alla morte del suocero nel divenne socio insieme al fratello della moglie, Ludwig DuMont, della Casa Editrice e Tipografia M.

Joseph e Alfred diressero insieme la M. Il giornale esiste tuttora. La famiglia Simons di Colonia non era imparentata in alcun modo con i Simons di Maastricht.

Il 14 gennaio Roberto Michels ricevette dall'oculista dr. Posseggo del mio bisnonno Friedrich Laurenz Simons un quadro dal quale traspare la grande somiglianza con sua sorella Anna Marie. Innanzi tutto voglio rispondere alle Sue domande circa la parentela. Scrive inoltre Arthur von Nell ad Anna Michels Schnitzler, la quale evidentemente gli aveva anche chiesto se conoscesse suo zio Wolfgang Müller aus Königswinter: Arthur von Nell apparteneva ad una nobile famiglia oriunda di Treviri ed era padrone della tenuta nobiliare di St.

Mathias, un grande complesso abbaziale dei monaci benedettini che nel fu secolarizzato dai Francesi. Il nonno di Arthur von Nell, il commerciante Christoff Philipp Nell, ne aveva comprato il chiostro ed alcuni edifici contigui poi adibiti ad abitazione o ad uso agricolo. La prego di salutarmi suo figlio, il Professore, anche se non lo conosco. Forse lui conosce mio figlio il Prof. Il doppio cognome Nell - Breuning fu assunto da Oswald in seguito alla morte dell'unico fratello della madre Bernarda, morto senza figli.

Come sei da invidiare: Peter Michels era un renano di vecchio stampo. Tutte le sue cinque figlie sposarono certamente renani di buona e antica famiglia cattolica, ma due di essi erano ufficiali prussiani e uno era diventato Presidente di Distretto. Dei quattro figli maschi, tre si sposarono con ragazze di buona famiglia cattolica renana due durante le vita di Peter, uno dopo la sua morte. Tra la prima, Anna Marie, e l'ultima, Greta, intercorrono ventidue anni.

Greta nacque nello stesso anno, il , in cui Anna Marie si sposava. Mancano tuttavia i dati relativi a Julius, Anna e Greta. Era bella d'aspetto, di grandi doti intellettuali, piena di vita e socievole per natura. Era nato il 26 gennaio Era un uomo per bene, molto buono, ma poco energico e debole.

Racconta Paul Kaufmann che una sua zia. Nella casa dei Mayer ospitale ed animata da graziose cuginette ho passato molte ore felici delle quali ho graditi ricordi. Nei passaggi e nelle carceri sotterranee cercavamo tesori sepolti e incantevoli principesse. Possedeva infatti una ricca raccolta di fotografie di uomini e donne famose, ben ordinata secondo i campi del sapere. A ciascuna foto era acclusa una breve descrizione della vita della persona rappresentata.

Una raccolta per noi bimbi stimolante e istruttiva. Suo marito, che era volubile nelle sue passioni, ma di buon cuore, si distingueva per una memoria eccezionale e per un gran talento per le lingue. I Mayer ebbero otto figli , cinque femmine e tre maschi. Leopold aveva infatti ricevuto un'accurata formazione musicale. Egli aveva preso lezioni di canto da Johanna Kinkel. A volte ci stupiva quando si travestiva da cacciatore con uno schioppo in mano per recitare l'aria per lui particolarmente impegnativa di Max dal "Franco cacciatore".

In un concerto, che negli anni sessanta fu organizzato dagli amanti dell'arte a Bonn a favore dei poveri della Prussia dell'est, ho ascoltato da mio Padre la meravigliosa aria di Fernando dal finale del Fidelio. Ebbe quattro figlie, tra cui. Diplomatico tedesco, naturalizzato austriaco, Ludwig von Pastor fu ambasciatore d'Austria presso la Santa Sede. Constanze fu insignita dell'ordine papale "Pro Ecclesia et Pontifice et Benemerenti". T enente nell'armata austriaca, nel fu uno dei pochi a combattere con il proprio reggimento contro le truppe tedesche che erano entrate in Vienna per annettere l'Austria alla Germania.

Fatto prigioniero fu mandato a Dachau, uno dei primi campi di concentramento ove furono internati nel '38 gli oppositori arrestati nei territori annessi, come l'Austria. Nel fu inviato in Francia come ufficiale di sicurezza per sorvegliare la produzione di armi a Niort.

In quel periodo venne a contatto con un gruppo francese di opposizione, il Goelette , diretto da un certo Renaudot di Parigi. Tra l'altro convinse suo cugino Guillaume, che lavorava al quartiere generale del servizio Armi e Munizioni della Wehrmacht all'hotel Astoria a Parigi, a rubare dal proprio ufficio le informazioni tecniche sulle rampe di lancio dei missili V Rientrato a Bonn dopo il pensionamento il 28 dicembre del vi rimase ucciso sotto il bombardamento.

Era una bella donna, specialmente quando era vestita in abito da ballo di gran gala, estremamente piena di vita, ma irrequieta. La coppia aveva una casa molto ospitale. Dipinto di Sophie Koner, circa Dal matrimonio nacquero due figlie.

Max, i fratelli Arnold e Theodor furono elevati al ceto nobiliare nel con il diritto di portare il " von "; Theodor nel divenne anche barone. Egli fece modernizzare la casa e trasformarla in una villa di campagna di rappresentanza, il cosiddetto Schloss Calmuth. Pauline era una signora intelligente e vivace, con un grande carattere aperto, un'eccellente moglie e madre.

Fu Presidente del Circondario dal al Gli successe il figlio Max per lo stesso incarico. Pauline von Sandt Michels. Dal fino al Max von Sandt fu Presidente del Distretto governativo di Aquisgrana, dall'agosto del '14 al luglio del '17 fu a capo dell'Amministrazione Civile del Belgio, dal '17 al '18 a quella di Varsavia.

Dal matrimonio nacquero quattro figli, tra cui Otto Crome, nato intorno al Il castello fu completamente distrutto durante la seconda guerra mondiale. Julius e Anna furono i genitori di Roberto Michels. Ernst Michels fu il settimo figlio di Peter Michels. Ero sicuro che la mia scelta, quando l'avessi loro rivelata, sarebbe stata gradita ai miei genitori.

Dopo la rappresentazione o il concerto - io ero diventato molto amante della musica - cercavo di essere accettato prestandomi in guardaroba o accompagnando a casa le signore Mülhens. Lina aveva vent'anni all'epoca ed io ventiquattro. Le famiglie non si frequentavano, ma in quanto veraci coloniesi sapevano l'una dell'altra.

A lui successe il figlio che portava il suo stesso nome, Ernst. Nel chiese un anno di congedo per servire nell'esercito papale come tenente. Per le sue prestazioni nella battaglia di Castelfidardo contro l'esercito del Regno di Sardegna fu insignito dell'ordine di San Gregorio. Possedeva tenute nobiliari a Monheim sul Reno, Daberg e Kollenbach. Successe al padre nella conduzione dell'impresa di Peter Michels.

Era un uomo buono di cuore, giustamente dotato, ma purtroppo non sapeva fermarsi a casa. Dopo il congedo visse a Berlino. Sua moglie Anna Fay, nata il 10 gennaio , morta a Neuss il 25 agosto , era una donna bella e appariscente, moglie e madre esemplare. Ebbero tre figli maschi. Da Ludwig von Poschinger Ada ebbe due figlie. Risposatasi altre tre volte, ebbe altre due figlie dal terzo marito, il banchiere di Duisburg Albert Wichterich.

Greta Michels fu l'ultima figlia di Peter. La famiglia viveva in un castello tardo barocco a Burg Eicks presso Mechernich, nel distretto di Euskirchen nella Renania, Nord-Vestfalia. Il castello, tuttora in possesso degli eredi, fu regalato al Barone dalla zia materna Franziska Syberg, ultima discendente dei von Syberg che erano stati padroni del castello fin dal Dal matrimonio nacquero tre figlie.

Greta Michels con il marito Wilhelm von Hövel. Il convento ottenne nel dal duca Adolf von Berg il privilegio della "produzione e commercio del vino". Nel divenne un quartiere di Solingen. Nel il duca Guglielmo II di Berg concesse agli artigiani di Solingen che forgiavano, affilavano, brunivano lame e spade, le cosiddette "armi bianche", artigiani il cui lavoro era all'epoca organizzato in confraternite, il diritto di riunirsi in una corporazione, la " Schwertschmiedezunft ".

Inoltre l'accettazione nella corporazione avveniva per tutti i membri sotto il vincolo di giuramento di non "emigrare". Alla corporazione era riservata non solo la produzione, ma anche la vendita delle armi bianche. Nel il privilegio fu esteso ai fabbricanti di coltelli e nel anche ai produttori di forbici. Gli Schnitzler erano commercianti, ma privi del "privilegio" ducale: Il "privilegio" corporativo decadde solo nel , sotto Napoleone.

Dalla seconda moglie, Mechel Rück von der Höhe, morta nel , ebbe sei figli, tra cui. Come sindaco di Gräfrath fece portare l'acqua corrente in paese e costruire nella piazza del mercato una fontana, che esiste tuttora. Il figlio del fratellastro J. Nel dopo aver portato a termine buoni affari con Lisbona, mentre in nave faceva rotta verso Oporto, Abraham fu rapito da corsari marocchini, con "patente di corsa" inglese.

Venuto a conoscenza del fatto, Philipp Jakob, suo zio, si rivolse ad un lonitano parente acquisito della moglie, il maresciallo napoleonico Soult, visto che il Governo marocchino era alleato della Francia. Abraham fu liberato circa un anno dopo il suo rapimento. Da lui discese il ramo degli Schnitzler di Düsseldorf, ramo che tuttavia si estinse per via maschile.

I tre figli maggiori, Karl Eduard, Karl August, Karl Albert, dopo aver frequentato la scuola commerciale di Solingen, e seguito un praticantato in patria e all'estero, entrarono uno dopo l'altro come impiegati, e poi come soci, nella ditta del padre. August e nel ne divenne socio. I due fratelli rimasti si suddivisero gli incarichi: Fu Presidente della Camera di commercio di Solingen nel periodo e Nel fu nominato dal Re Consigliere di commercio del Regno.

Due delle quattro figlie di Philipp Jakob Schnitzler entrarono a far parte della famiglia Langen: L'avo Philipp Jakob Schnitzler ed i suoi discendenti si consideravano infatti legati da parentela con i Berg e fieri del legame stabilitosi con il maresciallo Soult di Napoleone. Anna Maria Bick e il maresciallo Soult. Questa famiglia ne fu proprietaria fino al Nel la casa fu abbattuta e al suo posto sorse una nuova costruzione.

Ai tempi di Napoleone matrimonii fra generali francesi e fanciulle renane avvenivano di frequente. Ed era davvero una donna di fegato. Si tratta della romanza " I due Granatieri ", che fu musicata anche da Schumann. Roberto Michels scrive di Soult anche nel saggio su Peter Michels, dove, oltre a rifarsi al testo del Nottbrock, scandisce le tappe della carriera del maresciallo: L'anno successivo, in vista della progettata campagna di Russia, corse il pericolo di esser precettato: Il terzogenito Karl Albert nel frattempo stava compiendo l'apprendistato presso la ditta J.

Karl Eduard ebbe modo di fare apprezzare le proprie doti commerciali dal capo della ditta Stein, Johann Heinrich Stein , e di frequentarne la famiglia. Johann Heinrich Stein , aveva solo 17 anni, ed il secondo, Karl Martin Stein , solo 14 anni. Stein , che all'epoca si occupava di commissioni e spedizioni di beni commerciali, oltre che di commercio di vino.

Racconta il pronipote Karl-Eduard von Schnitzler: Stein sempre uno Stein ed uno Schnitzler. Per venticinque anni Karl Eduard Schnitzler fu Consigliere comunale; fu inoltre membro del Comitato amministrativo di diverse Compagnie ferroviarie ed assicurative.

Nel fu nominato Consigliere reale di commercio. Dal al fu Presidente della Camera di commercio di Colonia, nel fu nominato Consigliere intimo di commercio, nel fu insignito dell'Ordine prussiano dell'Aquila Rossa di III classe con il Fiocco. Scrive Victor Schnitzler, che all'epoca aveva solo sette anni: La Villa, costruita nel , fu ricomprata dallo suocero di Viktor, Otto Andreae , Consigliere intimo di commercio.

Karl Eduard e Wilhelmine Schnitzler furono sepolti a Melaten, il cimitero monumentale di Colonia, nella tomba di famiglia degli Schnitzler. L'antica tomba di famiglia di cui si ha una riproduzione sul libro di Nottbrock, fu distrutta nel dalle bombe.

Al suo posto oggi ci sono due grandi lastre di granito orizzontali in mezzo ad aiuole fiorite con i nomi incisi.

Nello stesso anno fu nominato Consigliere del governo e Viceprefetto a Colonia e nell'anno successivo membro della Camera Disciplinare del Regno. Fu Consigliere della Camera dei conti. Ritratto di Norbert Schroedl, marito della cugina Else Müller.

Nel l'Imperatore gli concesse l'Ordine dell'Aquila di III classe con il fiocco in occasione dell'inaugurazione del nuovo edificio scolastico del Conservatorio di Musica nella Wolfsstrasse.

Egli era stato nel infatti uno dei fondatori di questa istituzione e dal ne era il Presidente. Il Gürzenich, fondato nel come sala per le feste dalla famiglia patrizia von Gürzenich, dopo esser stato un grande magazzino divenne sala da concerti.

Nel in questa sala fu eseguita la prima del concerto per violino e violoncello di Brahms. Gli interessi di Robert Schnitzler tuttavia non erano rivolti solo alla musica, per quanto questa fosse la sua passione principale, ma anche alla letteratura e alla scienza: Di queste opere letterarie non si ha traccia: Ritratto ad olio del circa. Museum für Angewandte Kunst. Nel ottenne la medaglia ricordo di guerra e la croce al merito per signore e signorine.

Mia madre da giovinetta era esperta in pianoforte e in violino, ma dopo il suo matrimonio aveva abbandonato il violino. Ancora un anno prima della sua morte ho suonato insieme a lei a quattro mani le sinfonie di Brahms e oggi sento ancora il giovanile entusiasmo con cui lei affrontava in un Tempo vivacissimo le ultime frasi delle difficili opere. La casa era frequentata dai migliori musicisti dell'epoca: Rimase inascoltata la richiesta al Ministero della Cultura fatta dal sig. Consigliere intimo Schnitzler, come Presidente del Comitato della Festa della Musica, di investire il Maestro, celebre nel mondo, che aveva intrapreso il suo primo viaggio in Germania, di un Ordine prussiano!

Con Brahms Robert Schnitzler suonava a quattro mani le sue composizioni edite o ancora in nuce, sinfonie comprese. Brahms si fermava ogni volta per molto tempo a Colonia, e amava [fare] discussioni serie e serene sulla musica, la scienza, la letteratura, la politica fino a notte fonda.

Concerto in Bahnhofstrasse 4. Al piano Paula, al violino Robert. In piedi Anna e Karl e la madre Clara. In braccio al padre Robert, Victor. Quando non erano disponibili artisti, venivano chiamati i dilettanti. I genitori davano molta importanza a che si esibissero i miei fratelli maggiori.

La musica in casa era a quell'epoca assolutamente nel sangue. Joseph Joachim e la moglie Amalie Schneeweiss, ospiti fissi in Bahnhofstrasse, con la loro presenza allietarono anche i pomeriggi musicali che, seguendo la tradizione del padre, la figlia Anna Michels Schnitzler , madre di Roberto Michels, tenne successivamente Berlino dove i Michels si eran trasferiti da Colonia dopo il e poi a Villa Anna ad Eisenach.

Consigliere intimo si trovava proprio a Cadenabbia [] per riaversi dalle conseguenze della sua malattia. Robert e Clara Schnitzler sono sepolti nella tomba della famiglia Schnitzler al cimitero Melaten di Colonia. Gli zii materni di Roberto Michels: I figli di Robert Scnitzler.

Assolse il servizio militare come volontario negli Ussari e fu nominato ufficiale di riserva. Divenne delegato della Santa Sede presso l'Organizzazione internazionale dell'energia atomica. Dal al '71 appartenne al Comitato centrale dei Cattolici tedeschi, con sede a Bonn, struttura ufficiale che rappresenta i laici in seno alla Chiesa cattolica romana in Germania. La coppia ebbe due figli. Fu la madre di Roberto Michels. I figli furono battezzati nella fede cattolica. Le figlie seguirono la religione evangelica.

Per la sua partecipazione alla guerra del Eugen Pfeifer fu insignito della croce di ferro di II classe e della medaglia ricordo di guerra. Nel Eugen Pfeifer si fece costruire sulla collina tra Bonn e Bad Godesberg una grande villa in stile storicista , Haus Annaberg dove soleva passare i mesi estivi.

Dopo la sua morte la villa fu venduta dagli eredi. In essa sono state ricavate 35 stanze per gli studenti. Le sorelle Anna e Paula erano molto legate tra di loro e si frequentavano assiduamente.

La tenuta con la villa fu venduta nel dal Dr. La coppia ebbe due figli maschi, Eugen e Wilhelm, che dopo la morte del padre e la vendita della villa a Viktorshöhe, si stabilirono a Brema. La ditta esiste tuttora. A Port Elisabeth fu presto all'apice di ogni organizzazione di carattere musicale. Nella sua casa organizzava serate di musica da camera e spesso come violino solista suonava in pubblici concerti di beneficenza.

I coniugi Schnitzler ebbero una sola figlia, Charlotte Doris , nata nel e morta a soli 26 anni. Il 19 luglio nacqui a Nachrodt i. Sembra che l'arrivo del quinto figlio non sia stato accolto con particolare entusiasmo dai miei genitori; infatti mio padre si era recato in quel periodo in Svizzera. In compenso il mio battesimo fu festeggiato in modo particolarmente bello nella romantica Klarashöhe. Particolarmente dotato per la musica, Victor prese le sue prime lezioni di pianoforte dalla sorella Paula: Devo aver mostrato all'epoca un grande talento musicale, tanto che i miei genitori accarezzarono seriamente l'idea di destinarmi a una vita d'artista.

A questo scopo suonai davanti a un pregiato consesso, di cui facevano parte Ferdinand Hiller e Klara Schumann. Questi anni furono poco piacevoli per me: Il periodo del mio studio a Bonn si svolse sotto il segno della vita di corporazione studentesca. Questa decisione aveva le sue radici nel desiderio di non essere obbligato ad allontanarmi da Colonia, ma soprattutto dalla casa dei genitori. Una mia permanenza a Colonia come giudice era esclusa, dopo che mio fratello Robert e mio cugino Paul Schnitzler eran entrati di ruolo per questo incarico a Colonia.

Nel frattempo si era sposato il 19 luglio con Ludowika von Borrell du Vernay , detta Wika , adottata con il cognome di Andreae. La mia precedente impressione non mi aveva ingannato, avevo dunque trovato in mia moglie non solo un grande talento musicale, ma anche una calorosa, entusiasta promotrice delle belle arti. Ludowika, detta Wika, Schnitzler-Andreae. Victor fu nominato Consigliere intimo di Giustizia. Come liberale fu eletto deputato e poi membro della Camera prussiana dei rappresentanti.

Anche Victor, come il padre, ospitava nella sua casa i musicisti che venivano a Colonia per suonare al Gürzenich o all'Opera. In esso si sofferma a lungo su J. La figlia maggiore di Victor, Tony, raccolse sul suo libro degli ospiti le firme dei musicisti che frequentavano la casa del padre; essi sono: Pablo de Sarasate Nel la casa fu improvvisamente venduta in seguito alla grave crisi finanziaria dell'epoca. La maggior parte del tempo tuttavia la trascorrevano nella villa a Mehlem.

Ebbe un ruolo importante nelle vita culturale di Colonia. Noi la chiamammo di conseguenza Olga Johanna. Deve esser bello scrivere questo per lettera e gli occhi della felice mamma e della nonna brilleranno tanto da far cadere un riflesso su questo foglio che Le reca i miei auguri di cuore e i saluti.

Ma come me [l'avete chiamata]? Se potessi farlo di persona, ne sarei particolarmente felice. Nel frattempo mi lasci sperare e giungano per oggi a Lei e ai Suoi i saluti cordiali del Suo devotissimo J. Alla fine degli anni venti fu direttore del teatro di prosa di Monaco e poi di Berlino.

.

Geldlady sklavin branding




greta brentano berlin fac sitting

Aber sind sie das wirklich? Das Rendezvous mit einer von ihnen. Ernst und kerzengerade steht sie da und wartet darauf, in Empfang genommen zu werden. Ihre messerscharfen Stilettos heben die Frau um einiges in die Höhe.

Die langen dunklen Haare scheinen festgefroren. Nach einem Dinner mit charmanter, geistreicher Konversation versteht es Paloma, Ihre Unterhaltung in die Sprache der Körper überzuleiten. Weil in dem Buch ein Kuvert liegt und in dem Kuvert Euro in bar. Denn das ist der Preis für ein Rendezvous von vier Stunden Mindestdauer. Dann tauen auch noch ihre Haare auf, werden welliger, weicher.

Weil sie die immer wieder schwunghaft schüttelt, während sie erzählt, von sich — oder auch einfach nur davon, wer sie an diesem Abend gerade ist: Yogalehrerin, die natürlich schon im indischen Pune war. Lehrerin oder Ärztin jedenfalls, wie von ihren gestrengen Eltern empfohlen, wollte sie nicht werden. Der verruchte Beruf der Escorts bleibt also ein geheimer, auch wenn die gesellschaftlich umstrittene Prostitution seit in Deutschland gesetzlich als Dienstleistung anerkannt ist.

Geheim, auch weil die meisten der sogenannten Gäste Geschäftsleute sind, Männer zwischen 30 und 60, oft verheiratet , mit Geld und zuweilen mit Stil, die keine schnelle Nummer wollen, sondern einen sorgfältig arrangierten Abend, mit einer tollen Frau, die fast immer tut, was sie wollen. Auf Bestellung, gegen Geld und deswegen irgendwie auch selten verflochten mit schlechtem Gewissen. Hier können Sie selbst Artikel verfassen: Auf jeden Fall aber schien es mir f ü r unser gegenseitiges Verst ä ndnis dienlich, wenn Du wenigstens ü ber das, was ich unter sozialer Revolution verstehe, in grossen Z ü gen informiert bist.

In essa dichiara di avere inviato i soldi a Roma secondo la richiesta di Gisella, presso casa Giuliani in via dei Condotti Non si sono trovate altre lettere fino a quella che Roberto scrisse da Torino nel dicembre del Lieber Papa, Deine Wünsche vom Dezember bis zum 9.

Januar erwidere ich auf das Herzlichste. Auch ich bin weit davon entfernt, Dir gegenüber an die Erfüllung eigener Wünsche zu denken, und würde mich schon glücklich preisen, wenn Du es über Dich - und über andere - bringen könntest, mich, Unmöglichem entsagend, lieb zu haben, so wie ich bin, mit allen meinen guten Seiten, allen meinen vermeintlichen Fehlern und allen meinen wirklichen Fehlern.

Du weisst, wie sehr ich diese innere Versöhnung ersehne. Du selbst weisst aber auch, wie unmöglich es ist, Gedanken Zwang anzutun, ganz besonders dann, wenn man, wie ich, tagtäglich Gelegenheit hat, die Gedanken zu prüfen und zu stärken. Mein Weihnachtswunsch klingt in einem Traum aus, zu dem nur ein bisschen Willensakt gehört, auf dass er zur Wirklichkeit werde: Pensa, un sesto delle entrate!

Denke, ein Sechstel des Einkommens! Heute bin ich zwar selbst etwas in Verdienst gekommen, aber in noch Höherem Grade als die Einnahmen wachsen die Ausgaben. So kommt es, dass ich mich entschlossen habe. Evidentemente Julius fu d'accordo e Il 15 settembre proponeva al figlio di rendere formale la quota di marchi da erogarsi annualmente, in modo da poterla dedurre dalle tasse. Marianne cita subito dopo alcune affermazioni fatte da Max Weber su questo giornale: Fin dal [ La famiglia Michels in via Provana a Torino.

Album della madre di Gisella, Agnes Lindner. Marianne Weber ricorda la sosta a Torino del marito nell'aprile del Sono arrivato ieri a mezzogiorno; alla stazione ho trovato Michels con quella piccola e graziosa civetta di Manon.

Alloggio in un albergo alla buona e sono andato a pranzo dai Michels. Discussione poi nel pomeriggio; di sera, fino alle undici, diversa gente. Adesso, ancora qualche ora a Torino: Nel pomeriggio, proseguo per la Riviera.

Ma a Torino sono stato quasi sempre dai Michels. I bambini dormono con la domestica sul divano, nella cameretta di lato. La prima sera da soli e abbiamo disputato fino all'una e mezzo di notte. Io ho avuto il primo premio per il talento nel gioco; per il resto, in nulla. I bambini sono di una favolosa naturalezza nel loro giudizio. Convenivano ai ricevimenti oltre la sua Gina e la sua Paola, il figlio prof. Sopra al gruppo si legge la seguente dedica: Sodales quos per Urbem Lautetia pilotavit laudabiliter.

Fu a casa Lombroso che Roberto Michels conobbe nel il Marchese Raniero Paulucci de Calboli che tanta parte ebbe nella sua vita in epoca successiva, come lui stesso racconta: Mi univano al Paulucci di Calboli, oltre i legami d'ordine ufficiale, vincoli di amicizia personale e di quasi colleganza scientifica. Fu a un pranzo a casa Lombroso verso il , che chi scrive ebbe l'onore di fare la conoscenza degli illustri coniugi [Paulucci de Calboli].

Nell'agosto del la famiglia Michels si trovava a San Pellegrino, presso Bergamo, dove Gisella faceva una cura termale. Si accompagna spesso col professor avv.

Il 18 marzo infatti fu inviata una lettera circolare ad amici e conoscenti in cui si diceva: Egli lascia a malincuore il nostro paese, al quale si sente ormai legato da sentimenti di cittadino e di figlio, e gli amici, che con vivo rammarico lo vedono allontanarsi, mentre sperano di salutarne presto il ritorno, intendono, a testimonianza del loro affetto per l'uomo e della loro ammirazione per lo scienziato, riunirsi a convito attorno a lui ed alla sua egregia, buona e colta Signora, che segue con amore e lieto tormento l'ascensione del compagno della sua vita.

Si spera che V. Michele - Berutti Alberto - Bistolfi Comm. Leonardo - Casalini On. Alberto - Guglielmo Ferrero - Lombroso Dott. Conte Leopoldo - Norlenghi Dott. Camillo - Villavecchia Giulia Dellavalle. Le adesioni si ricevono fino al giorno 28 corr.

Michele Berardelli, via Fabro, N. Attorno a lui e alla gentile sua signora erano: Leonardo Bistolfi, il prof. Tedeschi, presidente dell'associazione dei liberi docenti, il dott.

Durante questa occasione gli amici gli consegnarono una pergamena come testimonianza di stima e rimpianto con la seguente dedica: Vale, o compagno carissimo alle nostre menti ed ai nostri cuori, e possano i tigli germanici rinverdire al pensoso tuo capo i non effimeri allori, che la primavera italica ha per te germogliati.

Torino 31 marzo Non mi stancai di scrivere in Italia un libro sul commercio germanico, ed un altro sulla Francia contemporanea, e pubblicai, in Francia ed in Germania dei lavori sull'Italia. Come cittadino, optai una volta, nel Tredici, e per l'Italia. Mi comportai da italiano, quale ormai ero.

I tedeschi mi accusavano, i francesi e gli inglesi mi spendevano lodi di essere stato l'autore del libro: Non era mia la funzione di scrivere libri anonimi in momenti che richiedevano visiere aperte. Oggi ho ricevuto molta posta arretrata da parte tua. Sono molto felice che ti trovi bene in montagna e che ti stai riprendendo.

Purtroppo la guerra allunga le sue ombre anche sulle tue montagne, intanto io devo importunarti con questioni molto gravi. Non dobbiamo di fatto lasciare sole le bambine. Le strade sorvegliate dai soldati svizzeri con le baionette inastate. Tutti gli accessi per la Germania interrotti. Del resto non ho neanche il denaro per andarci. Mosca consiglia un nuovo tentativo mediante un atto notarile, che si potrebbe ottenere, [in cui si dichiara] che noi siamo residenti a Torino.

Vediamo [in italiano nel testo]. Con Manon sulle spalle [in italiano nel testo]. Voglio immensamente bene a te e ai bambini e sono. Heute erhalt ich viele nachträgliche Post von Dir. Glaube an die Vernunft im Menschenleben. Er vergiftet auf Jahre hinaus unsere freundschaftlichen und verwandtschaftlichen Beziehungen in Deutschland u. An Prof essur in Deutschland ist nunmehr kaum noch zu denken. Wir dürfen eigentlich Mädchen nicht allein lassen. Alle Zugänge zu Deutschland abgeschnitten. Andererseits habe ich zum Hingehen kein Geld.

Auch sonst Schwierigkeiten in Hülle u. Cittadinanza nicht bewilligt, da ausgewandert. Mosca rät nochmaligen Versuch mit notariellem Akt, dass wir in Turin ansässig sind, der zu erwirken wäre. Unterdessen bin ich als Bürger keiner Welten allem ausgesetzt und vogelfrei.

Mit Manon sulle spalle. Vorderhand setze ich Reiseroute fort und fahre Freitag früh nach Celle. Aber früher noch hoffe ich Brief und Rat von Dir. Ich habe Dich und die Kinder unsäglich lieb und bin Dein trauriger B. Il giorno dopo, il 3 agosto, sempre da Venezia scriveva a Loria: Tu sai che sono tedesco; sai quante amicizie ho in Francia, per la Francia.

La morte, sia pur ingiusta di un arciduca non mi sembra che valga tante giovani vite distrutte [ Contributo alla psicologia della guerra mondiale ".

L'aver preso posizione per l'Italia lo mise in cattiva luce presso i tedeschi, presso gli svizzero-tedeschi di Basilea e gli austriaci, come testimoniano gli attacchi cui fu soggetto in questi anni dalla stampa di questi paesi. Non posso assolutamente giudicare se questa notizia sia giusta o no e mi permetto di chiederle, sulla base delle relazioni esistenti tra di noi, se abbia scritto una tale lettera, se in particolare sia divenuto italiano, se abbia educato i Suoi figli del tutto italianamente sia nella lingua sia nei sentimenti e se Lei anche oggi, dopo lo scoppio della guerra tra l'Austria e l'Italia, stia dalla parte dell'Italia.

Con la massima stima, Julius Springer. Nell'ultima lettera di Springer del 7 settembre , in cui l'editore recide il contratto di stampa di un testo di Michels sull'Italia, scrive: I tempi che corrono sono d'altronde tali da diminuire di molto il desiderio di mantenere vivi i rapporti d'amicizia. Coi tedeschi, per esempio, ho dovuto troncare, dopo qualche tentativo fallito, ogni e qualsiasi corrispondenza.

E non parliamo poi dei tedeschi di Basilea. Circa l'atteggiamento di Weber sulla guerra scrive infatti Marianne Weber: Fu scritto col sangue stesso del mio cuore. Non sono mai stato tenero per il cosmopolitismo vago ed indeciso. Lei sa che io ho scelto, e come ho scelto.

Come vede il fegato non ci fa proprio difetto! In data 26 luglio Gisella ricevette infatti dal cav. Legazione d'Italia a Berna su incarico del marchese Paulucci de Calboli la seguente lettera: Gentilissima Signora, Sua Eccellenza il Marchese Paulucci de Calboli mi ha incaricato di porgerle riscontro della sua di ieri. Contro tale pericolo S. Rispose Roberto Michels, per mano di Gisella, il 29 luglio Spinazzola, dietro suo incarico, le scrisse [ Ritengo che la fiducia che Ella mi ha voluto dimostrare e le numerose prove di amicizia di cui Ella mi ha voluto onorare, mi autorizzano a dirle, lealmente, che questa lettera mi ha profondamente ferito.

Essa infatti ci qualifica quale stranieri appartenenti a Paesi nemici e ci minaccia, o quasi, qualora volessimo andare in Italia, di essere mandati in un campo di concentramento La lettera del cav. Un altro motivo di attacco da parte dei giornali tedeschi fu il battesimo dei figli: Il battesimo e la prima comunione secondo la religione cattolica ebbe luogo il 25 dicembre del nella Cappella della Missione Italiana a Basilea.

Nel Roberto Michels fu sottoposto in Germania a processo penale. Gli atti del processo sono conservati nel Landesarchiv Baden-Würtenberg []. Infatti lo scoppio della guerra impone loro di decidersi all'improvviso tra i due elementi costitutivi del loro essere spirituale, e le spinge a recidere prematuramente e quindi innaturalmente elementi naturali, non suscettibili d'eliminarsi senza portar danno all'anima della vittima. Durante il periodo di guerra, a Basilea, scrisse il 20 ottobre la seguente riflessione: Anche Giulio Casalini, deputato del Parlamento italiano, ed amico di Michels fino dal , invitato dalla stessa Associazione, tenne una conferenza in quell'occasione.

Dopo la conferenza l'Eisner fu ospite in casa Michels. Roberto Michels, che aveva ricevuto strane telefonate da sconosciuti che chiedevano del Presidente, lo mise in guardia: In ricordo di quattro giornate indimenticabili e con una riconoscenza profonda. Nello stesso anno compie un viaggio in Cecoslovacchia di cui informa con una breve relazione il R. Console Generale d'Italia a Basilea. In un pomeriggio del periodo pasquale del conobbe di persona Mussolini, come egli stesso ricorda nel suo libro " Italien von heute": Nello scorso mese di marzo-aprile ha avuto luogo a Davos nei Grigioni Svizzera il primo corso universitario organizzato, su basi finanziarie locali, da un Comitato particolare diretto dal noto Sportman e medico davosiano dott.

Müller e dal prof. Siccome, oltre agli studenti malati residenti a Davos [ Mendelssohn-Bartholdy, diede ai corsi universitari di Davos un lustro e una ripercussione grandissimi. In altri termini, i tedeschi facevano di tutto, onestamente, per ammettere, anzi, per mettere in luce il contributo che nel ramo della scienza da essi rappresentato, avevano dato, e seguitavano a dare, i francesi e viceversa.

Seguirono negli anni altre tovaglie con le firme di Max Weber, Sombart, Giulio Casalini, di pittori, scultori e infiniti altri tra cui i generi Mario Einaudi e Filippo Gallino. In una lettera alla moglie Gisella del 25 marzo aveva scritto: Devono volermi avere liberamente. Alla partenza da Basilea Roberto Michels ricevette come ricordo un grande piatto di peltro con un drago alato a sbalzo, che tiene tra gli artigli lo stemma di Basilea, e sul bordo la scritta: La Dante Alighieri e gli amici della Colonia di Basilea Il Presidente della Renaissance, Alfred Stöcklin, tenne un lunghissimo discorso.

In un quaderno di appunti scrisse in italiano la seguente riflessione: Infatti, me ne sono provenute infinite noie, malintesi ed apprezzamenti ingiusti sul mio conto. Sembra che Michels [ Per quanto riguarda l'antisemitismo o meno di Roberto Michels, scrive Corrado Malandrino: Chi conosceva Michels sapeva bene che fra tutti i difetti possibili, persino negli anni finali di adesione alla fede fascista e nazionalista, non aveva quello del razzismo.

Nonostante cercasse di essere trasferito a Roma o a Torino, e questo soprattutto nel , Roberto Michels rimase a Perugia fino alla morte, sopravvenuta a Roma nel maggio del Una forte emorragia al naso lo aveva colto il 13 febbraio dello stesso anno nel corso di una conferenza a Bordeaux in Francia.

Riuscirono a tamponare il flusso e riprese la conferenza. Rimasto poi a letto due giorni a Bordeaux, volle proseguire il suo giro di conferenze per cui tenne a Toulouse una seconda conferenza il 17 febbraio, ed una terza il 21 febbraio a Montpellier.

Fu ricoverato in clinica per otto giorni. Funerali solenni di Roberto Michels. Dietro al feretro Filippo Gallino accanto alla moglie Daisy. A lato Hubert Lagardelle il secondo. Reggevano i cordoni S. Dietro al feretro la moglie Gisella tra i figli Mario e Daisy. Il medaglione che si trova sulla tomba a Campo Verano, Pincetto vecchio, riquadro n.

Accanto a Roberto Michels riposano la moglie Gisella, morta il 9 novembre ad Alassio, e il figlio Mario, morto a Torino il 27 aprile Chi visiti la tomba di Michels [ Con questo epitaffio il patriottismo di Michels assume una nota del tutto particolare: In anni recenti e da ultimo, quasi presago della sorte che il 2 maggio gli chiudeva il cammino della vita iniziato il 9 gennaio , aveva riandato la storia della sua famiglia, ricollegando la vita dell'avo renano Peter Michels e del cugino materno ispano-fiammingo Don Juan van Halen agli avvenimenti del tempo in cui vissero.

A scrivere di storia lo spingeva la simpatia verso gli uomini dei cui fatti egli narrava le vicende o le cui teorie voleva ricostruire. I moltissimi amici, che egli aveva in Italia e fuori, se li era meritati per la cordiale attitudine anzi il vivo desiderio di vederli in quello che essi avevano di buono, di intelligente, di attraente. Alla fredda logica anteponeva il calore dell'intuizione. Il suo campo preferito erano le no man's lands, i terreni di nessuno, nel luogo dei grandi nodi stradali, dove le scienze, le idee, i partiti ed i popoli si incontrano, si mescolano e si arricchiscono l'un l'altro.

Scrive Emma Schiavon in un suo saggio: Nella commissione organizzativa del Congresso entrava per la prima volta anche la tedesca socialista, femminista e studiosa della cooperazione Gisella Lindner Michels, moglie del noto sociologo ed economista Roberto Michels. Su di un quaderno di appunti dell'epoca di guerra, Roberto Michels scrisse in italiano: Persone illustri che vollero tanto bene alla Gisella: Il rapporto tra Roberto e Gisella fu sempre di estrema collaborazione: Gisella Michels-Lindner, collaboratrice scientifica attenta ed indispensabile del marito, fu lei stessa autrice di ricerche originali sulla disoccupazione, sul movimento cooperativo e municipalista tedesco e italiano.

Si ricordano di lei i seguenti scritti: Gisella Michels Lindner, di Roberto moglie amata, inseparabile compagna nelle peregrinazioni ideali e pratiche della vita, madre dei suoi cinque figli. Dal all'anno della sua morte, , Gisella, abbandonata la casa di Roma era ritornata in Piemonte, a Dogliani, nel cuneese, al "Tecc Prott", casa che il consuocero Luigi Einaudi aveva fatto riattare per lei.

Durante la seconda guerra mondiale dal al , la casa fu requisita da soldati tedeschi. Gisella fu costretta a trasferirsi nella vicina tenuta Abbene, appartenuta un tempo allo zio materno del senatore Luigi Einaudi, Francesco Fracchia, e riacquistata dallo stesso Luigi nel Nel precipitoso trasloco fu smarrita la collezione di francobolli rari e preziosi, l'unica collezione ancora in possesso di Gisella Michels.

Si conosce molto poco della famiglia Lindner. Porcio Latrone Commentatio ". Di lui non si hanno ulteriori notizie. A Breslau l'anno successivo nacque la prima figlia Hildegard Lindner. Fu insignito della nomina di Geheimer Rath , Consigliere Intimo.

Diede prova di umorismo in una riunione studentesca in occasione delle Giornate della Storia del alla Burse zur Tulpe [] con il suo discorso in cui illustrava il significato della birra per il popolo tedesco. Al suo funerale parlarono allievi e colleghi e per suo espresso desiderio nessun religioso. Fece la volontaria per 2 mesi nell'Istituto di patologia del Consigliere intimo Dr. Eberth, tre mesi nella Clinica per donne del Dr. Fu la prima donna medico ad esercitare a Danzica dal al Voci in famiglia, non documentate, parlavano di un vagone piombato con cui fu trasportata in Polonia.

Theodor Lindner, la figlia Hildegard e il marito Carl Catoir. La madre di Gisella, Agnes Kügler , era pronipote diretta da parte di madre di Johann Adolph Sack , uno degli undici fratelli del fondatore della Sack'sche Familienstiftung. L'origine di questa Fondazione risale a Simon Heinrich Sack Non avendo discendenti diretti, decise di lasciare i suoi beni, tramite una fondazione, alla numerosa discendenza dei fratelli, ma la morte lo colse prima di riuscire a realizzarla.

La Sack'sche Familienstiftung esiste ancora dopo duecento anni, e la sua azione continua nello spirito di Simons Heinrich Sack; essa riunisce a tutt'oggi circa 6. Essa vantava sin dagli inizi tra i suoi membri un gran numero di magistrati, di alti funzionari dello stato e di membri del clero, tra cui il cugino di Simon Heinrich, August Friedrich Wilhelm Sack , noto teologo e filosofo, chiamato alla corte del re di Prussia Federico II come predicatore.

Nato il 3 dicembre a Marburgo a. Lahn, cittadino italiano di Antagnod d'Ayas, Valle d'Aosta [ Successivamente studiai per un anno come ingegnere chimico industriale al Politecnico di Torino.

Dal al lavorai sulla cellulosa acetilica processo di acetilazione, smalti e vernici, materiali plastiche e pellicole , inoltre mi occupai di solventi e ammorbidenti per la ditta "Lonza A. Negli anni continuai gli studi di chimica organica pratica e lavorai come collaboratore per la ditta di seta artificiale "Rhodiaseta" con lavori sulla saponificazione della fibra di cellulosa acetilica, studi sull'assorbimento da parte degli aldeidi, soprattutto di idrati di cloralio e derivati della cellulosa.

Dall'inizio del fino all'inverno del fui dirigente del reparto di chimica della ditta di seta artificiale "Soieries de Strasbourg". Nell'estate del fui inviato in Russia per avviare la ditta di seta artificiale "Pjatilietca" di Leningrado.

Tornato dalla Russia conclusi lo studio iniziato sotto la guida del signor Professore P. Nel Mario Michels, presentato dal cognato Filippo Gallino al sen. Nel trascorse 5 mesi in Polonia, tra Cracovia, Varsavia, Vilnius e Gdinia, specializzandosi in paesaggi, oltre che nei ritratti cui si era dedicata in precedenza. Al rientro in Italia, nel marzo del , espose a Roma, sotto il patrocinio dell'Istituto italo-polacco, 42 quadri e 35 disegni di impressioni di viaggio dedicati alla Polonia.

Conseguita la libera docenza nel , l'anno seguente fu incaricato di storia delle dottrine politiche a Messina. Manon Michels fin da giovanissima accompagnava il padre nei suoi viaggi, facendogli da segretaria e diventando un'ottima collaboratrice. Dal testo di Manon Michels si viene a conoscenza che anche Roberto Michels, non solo la moglie Gisella, sapeva suonare il pianoforte: Invitato insieme all' on.

Pierazzoli ad una delle riunioni che tradizionalmente si tenevano a casa Michels, vi conobbe la figlia Daisy. Nell'informare i propri genitori in una lettera del 18 maggio, scrisse: Sono tedeschi naturalizzati italiani da prima della guerra. Conoscono il piemontese meglio dell'italiano.

Nello stesso anno aveva abbandonato la carriera diplomatica intrapresa nel e era entrato nello studio legale romano della Cartiera di Verzuolo Ing. A Torino nel nacquero i gemelli Anna e Roberto, nel a San Mauro torinese, sulla collina di Superga, dove i Gallino si erano stabiliti dal , nacque l'ultimogenita Maria Costanza.

Le parti che seguono, spiccatamente di carattere genealogico, risulteranno alquanto pesanti per il lettore. Scrive Roberto Michels nel saggio sul nonno Peter a proposito della moglie di lui Constance: I van Halen provengono da un'antica stirpe nobile di Weert nel Limburg. La sua vedova era una francese, nata Simon. Dopo la morte di suo marito Madame Maria Marguerite aveva dovuto faticare veramente con i suoi nove figli.

Le sue opere di trovano al museo di Anversa. La famiglia van Halen ha origini lontane. Nel quattordicesimo secolo apparve un Simon van Halen il cui vero nome sembra fosse Mirabello, italiano. Don Antonio padre aveva abbracciato la carriera militare e al momento della nascita di Don Juan era Luogotenente di Fregata.

I van Halen sono d'origine fiamminga, sebbene per la maggior parte di lingua francese. La nonna paterna era irlandese. A questo punto Roberto Michels fa la seguente riflessione: Tutta la sua vita ne fornisce le prove. Don Juan rappresenta una particolare sintesi tra un eroe, un avventuriero e un filosofo. Su questi volumi di memoria aggiunge nel saggio su Don Juan: Tornando al testo Peter Michels: A Bruxelles in Place de la Dependance esiste un monumento che raffigura don Juan van Halen con la sciabola, ma il monumento non porta il suo nome.

Ogni vita umana di qualche rilievo giunge ad un punto culminante. Il punto culminante della vita di Don Juan van Halen consiste incontestabilmente nel ruolo eminente ch'egli ha avuto nella rivoluzione belga.

In Belgio, al contrario, l'azione di van Halen emerge; essa tocca uno dei crocevia della storia europea; essa si annovera tra i grandi avvenimenti del XIX secolo. Bruxelles , 25 settembre. Dedizione e fratellanza sincera, Juan van Halen. Nella famiglia Michels aleggiava viceversa questa versione, come riporta Roberto Michels nel Peter: Don Juan rimase ancora per alcuni anni a Bruxelles, ma fu richiamato in Spagna nel dove assunse il comando di una divisione con la quale sconfisse i Carlisti a Navarra.

Per questo motivo il 22 febbraio fu nominato Conde de Peracamps. Dal matrimonio nacquero ben nove figli dai quali discesero molti rami di Neven in Olanda, Belgio e Germania.

Mathieu Neven era quindi fratellastro di Constance van Halen , la moglie di Peter. Mathieu Neven, fratellastro di Constanze Michels van Halen. Album di Gisella Michels. August Libert, che si occupava inizialmente dell'azienda fondata dal nonno, la Math. Neven , alla morte del suocero nel divenne socio insieme al fratello della moglie, Ludwig DuMont, della Casa Editrice e Tipografia M. Joseph e Alfred diressero insieme la M.

Il giornale esiste tuttora. La famiglia Simons di Colonia non era imparentata in alcun modo con i Simons di Maastricht. Il 14 gennaio Roberto Michels ricevette dall'oculista dr. Posseggo del mio bisnonno Friedrich Laurenz Simons un quadro dal quale traspare la grande somiglianza con sua sorella Anna Marie. Innanzi tutto voglio rispondere alle Sue domande circa la parentela. Scrive inoltre Arthur von Nell ad Anna Michels Schnitzler, la quale evidentemente gli aveva anche chiesto se conoscesse suo zio Wolfgang Müller aus Königswinter: Arthur von Nell apparteneva ad una nobile famiglia oriunda di Treviri ed era padrone della tenuta nobiliare di St.

Mathias, un grande complesso abbaziale dei monaci benedettini che nel fu secolarizzato dai Francesi. Il nonno di Arthur von Nell, il commerciante Christoff Philipp Nell, ne aveva comprato il chiostro ed alcuni edifici contigui poi adibiti ad abitazione o ad uso agricolo. La prego di salutarmi suo figlio, il Professore, anche se non lo conosco.

Forse lui conosce mio figlio il Prof. Il doppio cognome Nell - Breuning fu assunto da Oswald in seguito alla morte dell'unico fratello della madre Bernarda, morto senza figli.

Come sei da invidiare: Peter Michels era un renano di vecchio stampo. Tutte le sue cinque figlie sposarono certamente renani di buona e antica famiglia cattolica, ma due di essi erano ufficiali prussiani e uno era diventato Presidente di Distretto.

Dei quattro figli maschi, tre si sposarono con ragazze di buona famiglia cattolica renana due durante le vita di Peter, uno dopo la sua morte. Tra la prima, Anna Marie, e l'ultima, Greta, intercorrono ventidue anni.

Greta nacque nello stesso anno, il , in cui Anna Marie si sposava. Mancano tuttavia i dati relativi a Julius, Anna e Greta. Era bella d'aspetto, di grandi doti intellettuali, piena di vita e socievole per natura.

Era nato il 26 gennaio Era un uomo per bene, molto buono, ma poco energico e debole. Racconta Paul Kaufmann che una sua zia. Nella casa dei Mayer ospitale ed animata da graziose cuginette ho passato molte ore felici delle quali ho graditi ricordi. Nei passaggi e nelle carceri sotterranee cercavamo tesori sepolti e incantevoli principesse. Possedeva infatti una ricca raccolta di fotografie di uomini e donne famose, ben ordinata secondo i campi del sapere. A ciascuna foto era acclusa una breve descrizione della vita della persona rappresentata.

Una raccolta per noi bimbi stimolante e istruttiva. Suo marito, che era volubile nelle sue passioni, ma di buon cuore, si distingueva per una memoria eccezionale e per un gran talento per le lingue. I Mayer ebbero otto figli , cinque femmine e tre maschi. Leopold aveva infatti ricevuto un'accurata formazione musicale. Egli aveva preso lezioni di canto da Johanna Kinkel. A volte ci stupiva quando si travestiva da cacciatore con uno schioppo in mano per recitare l'aria per lui particolarmente impegnativa di Max dal "Franco cacciatore".

In un concerto, che negli anni sessanta fu organizzato dagli amanti dell'arte a Bonn a favore dei poveri della Prussia dell'est, ho ascoltato da mio Padre la meravigliosa aria di Fernando dal finale del Fidelio. Ebbe quattro figlie, tra cui. Diplomatico tedesco, naturalizzato austriaco, Ludwig von Pastor fu ambasciatore d'Austria presso la Santa Sede. Constanze fu insignita dell'ordine papale "Pro Ecclesia et Pontifice et Benemerenti".

T enente nell'armata austriaca, nel fu uno dei pochi a combattere con il proprio reggimento contro le truppe tedesche che erano entrate in Vienna per annettere l'Austria alla Germania. Fatto prigioniero fu mandato a Dachau, uno dei primi campi di concentramento ove furono internati nel '38 gli oppositori arrestati nei territori annessi, come l'Austria. Nel fu inviato in Francia come ufficiale di sicurezza per sorvegliare la produzione di armi a Niort. In quel periodo venne a contatto con un gruppo francese di opposizione, il Goelette , diretto da un certo Renaudot di Parigi.

Tra l'altro convinse suo cugino Guillaume, che lavorava al quartiere generale del servizio Armi e Munizioni della Wehrmacht all'hotel Astoria a Parigi, a rubare dal proprio ufficio le informazioni tecniche sulle rampe di lancio dei missili V Rientrato a Bonn dopo il pensionamento il 28 dicembre del vi rimase ucciso sotto il bombardamento.

Era una bella donna, specialmente quando era vestita in abito da ballo di gran gala, estremamente piena di vita, ma irrequieta. La coppia aveva una casa molto ospitale. Dipinto di Sophie Koner, circa Dal matrimonio nacquero due figlie. Max, i fratelli Arnold e Theodor furono elevati al ceto nobiliare nel con il diritto di portare il " von "; Theodor nel divenne anche barone. Egli fece modernizzare la casa e trasformarla in una villa di campagna di rappresentanza, il cosiddetto Schloss Calmuth.

Pauline era una signora intelligente e vivace, con un grande carattere aperto, un'eccellente moglie e madre. Fu Presidente del Circondario dal al Gli successe il figlio Max per lo stesso incarico. Pauline von Sandt Michels. Dal fino al Max von Sandt fu Presidente del Distretto governativo di Aquisgrana, dall'agosto del '14 al luglio del '17 fu a capo dell'Amministrazione Civile del Belgio, dal '17 al '18 a quella di Varsavia.

Dal matrimonio nacquero quattro figli, tra cui Otto Crome, nato intorno al Il castello fu completamente distrutto durante la seconda guerra mondiale. Julius e Anna furono i genitori di Roberto Michels. Ernst Michels fu il settimo figlio di Peter Michels. Ero sicuro che la mia scelta, quando l'avessi loro rivelata, sarebbe stata gradita ai miei genitori. Dopo la rappresentazione o il concerto - io ero diventato molto amante della musica - cercavo di essere accettato prestandomi in guardaroba o accompagnando a casa le signore Mülhens.

Lina aveva vent'anni all'epoca ed io ventiquattro. Le famiglie non si frequentavano, ma in quanto veraci coloniesi sapevano l'una dell'altra. A lui successe il figlio che portava il suo stesso nome, Ernst.

Nel chiese un anno di congedo per servire nell'esercito papale come tenente. Per le sue prestazioni nella battaglia di Castelfidardo contro l'esercito del Regno di Sardegna fu insignito dell'ordine di San Gregorio. Possedeva tenute nobiliari a Monheim sul Reno, Daberg e Kollenbach. Successe al padre nella conduzione dell'impresa di Peter Michels.

Era un uomo buono di cuore, giustamente dotato, ma purtroppo non sapeva fermarsi a casa. Dopo il congedo visse a Berlino.

Sua moglie Anna Fay, nata il 10 gennaio , morta a Neuss il 25 agosto , era una donna bella e appariscente, moglie e madre esemplare. Ebbero tre figli maschi. Da Ludwig von Poschinger Ada ebbe due figlie. Risposatasi altre tre volte, ebbe altre due figlie dal terzo marito, il banchiere di Duisburg Albert Wichterich. Greta Michels fu l'ultima figlia di Peter.

La famiglia viveva in un castello tardo barocco a Burg Eicks presso Mechernich, nel distretto di Euskirchen nella Renania, Nord-Vestfalia. Il castello, tuttora in possesso degli eredi, fu regalato al Barone dalla zia materna Franziska Syberg, ultima discendente dei von Syberg che erano stati padroni del castello fin dal Dal matrimonio nacquero tre figlie.

Greta Michels con il marito Wilhelm von Hövel. Il convento ottenne nel dal duca Adolf von Berg il privilegio della "produzione e commercio del vino". Nel divenne un quartiere di Solingen. Nel il duca Guglielmo II di Berg concesse agli artigiani di Solingen che forgiavano, affilavano, brunivano lame e spade, le cosiddette "armi bianche", artigiani il cui lavoro era all'epoca organizzato in confraternite, il diritto di riunirsi in una corporazione, la " Schwertschmiedezunft ".

Inoltre l'accettazione nella corporazione avveniva per tutti i membri sotto il vincolo di giuramento di non "emigrare". Alla corporazione era riservata non solo la produzione, ma anche la vendita delle armi bianche. Nel il privilegio fu esteso ai fabbricanti di coltelli e nel anche ai produttori di forbici.

Gli Schnitzler erano commercianti, ma privi del "privilegio" ducale: Il "privilegio" corporativo decadde solo nel , sotto Napoleone. Dalla seconda moglie, Mechel Rück von der Höhe, morta nel , ebbe sei figli, tra cui. Come sindaco di Gräfrath fece portare l'acqua corrente in paese e costruire nella piazza del mercato una fontana, che esiste tuttora. Il figlio del fratellastro J. Nel dopo aver portato a termine buoni affari con Lisbona, mentre in nave faceva rotta verso Oporto, Abraham fu rapito da corsari marocchini, con "patente di corsa" inglese.

Venuto a conoscenza del fatto, Philipp Jakob, suo zio, si rivolse ad un lonitano parente acquisito della moglie, il maresciallo napoleonico Soult, visto che il Governo marocchino era alleato della Francia. Abraham fu liberato circa un anno dopo il suo rapimento. Da lui discese il ramo degli Schnitzler di Düsseldorf, ramo che tuttavia si estinse per via maschile. I tre figli maggiori, Karl Eduard, Karl August, Karl Albert, dopo aver frequentato la scuola commerciale di Solingen, e seguito un praticantato in patria e all'estero, entrarono uno dopo l'altro come impiegati, e poi come soci, nella ditta del padre.

August e nel ne divenne socio. I due fratelli rimasti si suddivisero gli incarichi: Fu Presidente della Camera di commercio di Solingen nel periodo e Nel fu nominato dal Re Consigliere di commercio del Regno. Due delle quattro figlie di Philipp Jakob Schnitzler entrarono a far parte della famiglia Langen: L'avo Philipp Jakob Schnitzler ed i suoi discendenti si consideravano infatti legati da parentela con i Berg e fieri del legame stabilitosi con il maresciallo Soult di Napoleone.

Anna Maria Bick e il maresciallo Soult. Questa famiglia ne fu proprietaria fino al Nel la casa fu abbattuta e al suo posto sorse una nuova costruzione. Ai tempi di Napoleone matrimonii fra generali francesi e fanciulle renane avvenivano di frequente. Ed era davvero una donna di fegato.

Si tratta della romanza " I due Granatieri ", che fu musicata anche da Schumann. Roberto Michels scrive di Soult anche nel saggio su Peter Michels, dove, oltre a rifarsi al testo del Nottbrock, scandisce le tappe della carriera del maresciallo: L'anno successivo, in vista della progettata campagna di Russia, corse il pericolo di esser precettato: Il terzogenito Karl Albert nel frattempo stava compiendo l'apprendistato presso la ditta J.

Karl Eduard ebbe modo di fare apprezzare le proprie doti commerciali dal capo della ditta Stein, Johann Heinrich Stein , e di frequentarne la famiglia. Johann Heinrich Stein , aveva solo 17 anni, ed il secondo, Karl Martin Stein , solo 14 anni.

Stein , che all'epoca si occupava di commissioni e spedizioni di beni commerciali, oltre che di commercio di vino. Racconta il pronipote Karl-Eduard von Schnitzler: Stein sempre uno Stein ed uno Schnitzler.

Per venticinque anni Karl Eduard Schnitzler fu Consigliere comunale; fu inoltre membro del Comitato amministrativo di diverse Compagnie ferroviarie ed assicurative. Nel fu nominato Consigliere reale di commercio. Dal al fu Presidente della Camera di commercio di Colonia, nel fu nominato Consigliere intimo di commercio, nel fu insignito dell'Ordine prussiano dell'Aquila Rossa di III classe con il Fiocco. Scrive Victor Schnitzler, che all'epoca aveva solo sette anni: La Villa, costruita nel , fu ricomprata dallo suocero di Viktor, Otto Andreae , Consigliere intimo di commercio.

Karl Eduard e Wilhelmine Schnitzler furono sepolti a Melaten, il cimitero monumentale di Colonia, nella tomba di famiglia degli Schnitzler. L'antica tomba di famiglia di cui si ha una riproduzione sul libro di Nottbrock, fu distrutta nel dalle bombe.

Al suo posto oggi ci sono due grandi lastre di granito orizzontali in mezzo ad aiuole fiorite con i nomi incisi. Nello stesso anno fu nominato Consigliere del governo e Viceprefetto a Colonia e nell'anno successivo membro della Camera Disciplinare del Regno.

Fu Consigliere della Camera dei conti. Ritratto di Norbert Schroedl, marito della cugina Else Müller. Nel l'Imperatore gli concesse l'Ordine dell'Aquila di III classe con il fiocco in occasione dell'inaugurazione del nuovo edificio scolastico del Conservatorio di Musica nella Wolfsstrasse.

Egli era stato nel infatti uno dei fondatori di questa istituzione e dal ne era il Presidente. Il Gürzenich, fondato nel come sala per le feste dalla famiglia patrizia von Gürzenich, dopo esser stato un grande magazzino divenne sala da concerti.

Nel in questa sala fu eseguita la prima del concerto per violino e violoncello di Brahms. Gli interessi di Robert Schnitzler tuttavia non erano rivolti solo alla musica, per quanto questa fosse la sua passione principale, ma anche alla letteratura e alla scienza: Di queste opere letterarie non si ha traccia: Ritratto ad olio del circa. Museum für Angewandte Kunst. Nel ottenne la medaglia ricordo di guerra e la croce al merito per signore e signorine. Mia madre da giovinetta era esperta in pianoforte e in violino, ma dopo il suo matrimonio aveva abbandonato il violino.

Ancora un anno prima della sua morte ho suonato insieme a lei a quattro mani le sinfonie di Brahms e oggi sento ancora il giovanile entusiasmo con cui lei affrontava in un Tempo vivacissimo le ultime frasi delle difficili opere. La casa era frequentata dai migliori musicisti dell'epoca: Rimase inascoltata la richiesta al Ministero della Cultura fatta dal sig. Consigliere intimo Schnitzler, come Presidente del Comitato della Festa della Musica, di investire il Maestro, celebre nel mondo, che aveva intrapreso il suo primo viaggio in Germania, di un Ordine prussiano!

Con Brahms Robert Schnitzler suonava a quattro mani le sue composizioni edite o ancora in nuce, sinfonie comprese. Brahms si fermava ogni volta per molto tempo a Colonia, e amava [fare] discussioni serie e serene sulla musica, la scienza, la letteratura, la politica fino a notte fonda. Concerto in Bahnhofstrasse 4. Al piano Paula, al violino Robert. In piedi Anna e Karl e la madre Clara. In braccio al padre Robert, Victor. Quando non erano disponibili artisti, venivano chiamati i dilettanti.

I genitori davano molta importanza a che si esibissero i miei fratelli maggiori. La musica in casa era a quell'epoca assolutamente nel sangue. Joseph Joachim e la moglie Amalie Schneeweiss, ospiti fissi in Bahnhofstrasse, con la loro presenza allietarono anche i pomeriggi musicali che, seguendo la tradizione del padre, la figlia Anna Michels Schnitzler , madre di Roberto Michels, tenne successivamente Berlino dove i Michels si eran trasferiti da Colonia dopo il e poi a Villa Anna ad Eisenach.

Consigliere intimo si trovava proprio a Cadenabbia [] per riaversi dalle conseguenze della sua malattia. Robert e Clara Schnitzler sono sepolti nella tomba della famiglia Schnitzler al cimitero Melaten di Colonia. Gli zii materni di Roberto Michels: I figli di Robert Scnitzler. Assolse il servizio militare come volontario negli Ussari e fu nominato ufficiale di riserva. Divenne delegato della Santa Sede presso l'Organizzazione internazionale dell'energia atomica. Dal al '71 appartenne al Comitato centrale dei Cattolici tedeschi, con sede a Bonn, struttura ufficiale che rappresenta i laici in seno alla Chiesa cattolica romana in Germania.

La coppia ebbe due figli. Fu la madre di Roberto Michels. I figli furono battezzati nella fede cattolica. Le figlie seguirono la religione evangelica. Per la sua partecipazione alla guerra del Eugen Pfeifer fu insignito della croce di ferro di II classe e della medaglia ricordo di guerra. Nel Eugen Pfeifer si fece costruire sulla collina tra Bonn e Bad Godesberg una grande villa in stile storicista , Haus Annaberg dove soleva passare i mesi estivi.

Dopo la sua morte la villa fu venduta dagli eredi. In essa sono state ricavate 35 stanze per gli studenti. Le sorelle Anna e Paula erano molto legate tra di loro e si frequentavano assiduamente. La tenuta con la villa fu venduta nel dal Dr. La coppia ebbe due figli maschi, Eugen e Wilhelm, che dopo la morte del padre e la vendita della villa a Viktorshöhe, si stabilirono a Brema.

La ditta esiste tuttora. A Port Elisabeth fu presto all'apice di ogni organizzazione di carattere musicale. Nella sua casa organizzava serate di musica da camera e spesso come violino solista suonava in pubblici concerti di beneficenza.

I coniugi Schnitzler ebbero una sola figlia, Charlotte Doris , nata nel e morta a soli 26 anni. Il 19 luglio nacqui a Nachrodt i. Sembra che l'arrivo del quinto figlio non sia stato accolto con particolare entusiasmo dai miei genitori; infatti mio padre si era recato in quel periodo in Svizzera.

In compenso il mio battesimo fu festeggiato in modo particolarmente bello nella romantica Klarashöhe. Particolarmente dotato per la musica, Victor prese le sue prime lezioni di pianoforte dalla sorella Paula: Devo aver mostrato all'epoca un grande talento musicale, tanto che i miei genitori accarezzarono seriamente l'idea di destinarmi a una vita d'artista. A questo scopo suonai davanti a un pregiato consesso, di cui facevano parte Ferdinand Hiller e Klara Schumann.

Questi anni furono poco piacevoli per me: Il periodo del mio studio a Bonn si svolse sotto il segno della vita di corporazione studentesca. Questa decisione aveva le sue radici nel desiderio di non essere obbligato ad allontanarmi da Colonia, ma soprattutto dalla casa dei genitori.

Una mia permanenza a Colonia come giudice era esclusa, dopo che mio fratello Robert e mio cugino Paul Schnitzler eran entrati di ruolo per questo incarico a Colonia. Nel frattempo si era sposato il 19 luglio con Ludowika von Borrell du Vernay , detta Wika , adottata con il cognome di Andreae.

La mia precedente impressione non mi aveva ingannato, avevo dunque trovato in mia moglie non solo un grande talento musicale, ma anche una calorosa, entusiasta promotrice delle belle arti. Ludowika, detta Wika, Schnitzler-Andreae. Victor fu nominato Consigliere intimo di Giustizia. Come liberale fu eletto deputato e poi membro della Camera prussiana dei rappresentanti.

Anche Victor, come il padre, ospitava nella sua casa i musicisti che venivano a Colonia per suonare al Gürzenich o all'Opera. In esso si sofferma a lungo su J. La figlia maggiore di Victor, Tony, raccolse sul suo libro degli ospiti le firme dei musicisti che frequentavano la casa del padre; essi sono: Pablo de Sarasate Nel la casa fu improvvisamente venduta in seguito alla grave crisi finanziaria dell'epoca.

La maggior parte del tempo tuttavia la trascorrevano nella villa a Mehlem. Ebbe un ruolo importante nelle vita culturale di Colonia. Noi la chiamammo di conseguenza Olga Johanna. Deve esser bello scrivere questo per lettera e gli occhi della felice mamma e della nonna brilleranno tanto da far cadere un riflesso su questo foglio che Le reca i miei auguri di cuore e i saluti.

Ma come me [l'avete chiamata]? Se potessi farlo di persona, ne sarei particolarmente felice. Nel frattempo mi lasci sperare e giungano per oggi a Lei e ai Suoi i saluti cordiali del Suo devotissimo J. Alla fine degli anni venti fu direttore del teatro di prosa di Monaco e poi di Berlino.

Nell'ottobre del divenne tenente e fece parte dopo la fine della campagna di Francia del della Commissione-armistizio dell'Ispettorato di Controllo dell'Aeronautica. Successivamente fu nominato secondo Addetto Aeronautico a Roma e temporaneamente fu delegato in Nord Africa alla morte di Rommel. Nell'agosto del ebbe un colloquio privato con Mussolini, di cui non si sa nulla di preciso. Dopo l'uscita dell'Italia dall'alleanza con la Germania ebbe luogo l'occupazione del territorio da parte delle truppe tedesche, le forze armate italiane furono disarmate e fatte prigioniere nei Balcani e in Francia.

Fino ad allora il Governo italiano era stato in grado di opporsi alla pretesa tedesca di internare e deportare gli ebrei. Herbert fu in rapporto con Roberto Michels e la sua famiglia. Su suo interessamento nel la moglie di Roberto Michels, Gisella Michels Lindner, ottenne un aiuto pecuniario da parte di Mussolini, pari a Il 6 agosto egli [Herbert von Veltheim] invia a Mussolini che lo aveva espressamente incaricato in tal senso un promemoria sulle condizioni della signora Michels.

Von Veltheim riferiva che a partire dall'inizio della guerra la signora Michels viveva a Tetto Protto Dogliani, Cuneo in un piccolo appartamento preso in affitto, dal momento che le sue condizioni economiche non le avevano permesso di conservare quello di Roma. Johann David Herstatt proveniva da un'antica famiglia di banchieri di origine ugonotta che per quattro generazioni avevano guidato la Banca J.

Ebbero un'unica figlia, Ellen , nata nel Tale privilegio fu esteso ai fratelli e alle loro famiglie, indipendentemente dal sesso.

Suo nipote, Karl-Eduard von Schnitzler, riporta il testo del decreto nel suo libro di memorie: Noi ordiniamo e comandiamo che d'ora in poi i suddetti fratelli Cugini di secondo grado di Roberto Michels, figli di Eduard Schnitzler. Richard von Schnitzler , primogenito di Eduard. Stein , di cui divenne socio nel Farben , tristemente legata al nazismo, fondata nel , dove ebbero posizioni di rilievo anche altri membri della famiglia von Schnitzler.

Farben , di cui divenne membro del Consiglio di amministrazione. Dipinto di Leo Samberger. Nel divenne comproprietario della banca J. Fu membro del Comitato di amministrazione di diverse imprese. Edith von Schröder fu una grande promotrice delle belle arti e assunse incarichi di presidenza nelle fondazioni artistiche di Colonia.

Paul von Schnitzler , secondogenito di Eduard. Georg von Schnitzler , il primogenito di Paul von Schnitzler, dopo la costituzione del polo chimico I. Fu processato e condannato a Norimberga nel a 5 anni, anche se la pena gli fu condonata nel Dopo la prigionia divenne presidente della Compagnia tedesco-ispano-americana. Nel la casa dei von Schnitzler a Francoforte fu distrutta dalle bombe. In questa casa ebbe luogo una delle due riunioni per la fondazione della Max-Beckmann-Gesellschaft , cui Lilly teneva molto, ed in questa casa furono ospitati molti borsisti della M-B-Gesellschaft.

Oltre agli internati dei campi di concentramento, la fabbrica sfruttava lavoratori che venivano reclutati forzatamente nelle nazioni come la Francia e l'Italia, come vien ricordato dal pronipote di Eduard, Hans Deichmann nel suo libro di memorie. Farben Haus , come quartiere generale del gruppo industriale, sede tra l'altro del Consiglio di amministrazione. I 24 consiglieri della I. Farben , tra cui Georg von Schnitzler, furono posti sotto processo dal tribunale di Norimberga.

Nel la I. Dovette vendere la casa di campagna, Haus Hombusch , nell'Eifel, la casa di Colonia in Georgsplatz 16, che aveva ereditato da un bisnonno. Nel tutti i suoi beni furono messi all'asta.

Ada, viceversa, era una convinta repubblicana e aveva educato i figli in questo senso. Con Ada Roberto Michels ela sua famiglia mantennero stretti rapporti. Lo zio Georg von Schnitzler lo fece entrare nella I. Farben , Senta Fayan Vlielander Hein, da cui ebbe una figlia e due figli. Farben e dal plenipotenziario per l'industria chimica prof. Era un circolo di discussione non violenta e di riflessione, creato allo scopo di preparare una Germania post nazista democratica, umanista, sociale ed europea.

Era in contatto con altri gruppi della resistenza tedesca. Helmuth James von Moltke fu arrestato all'inizio del e il gruppo si sciolse; alcuni membri aderirono al gruppo di Claus Schenk, conte di Stauffenberg. Arthur e Hedwig von Schnitzler. Tra le foto, prese dal libro di Nottbrock, manca quella dell'ultima figlia Cornelia. Questi dipinti sono andati perduti. Scrive Karl-Eduard von Schnitzler: Il suo genero non amato v.

Sempre Karl-eduard von Schnitzler scrive: L'altro genero della zia Hedwig, v. Kries, era colonnello del Regno. Il 23 luglio venne arrestato dalla Gestapo mentre era in vacanza con la famiglia a Rostock, e giudicato dal Tribunale del Popolo, fu condannato a morte, pena portata a termine tramite l'impiccagione; venne infatti impiccato ad un gancio da macellaio. Dal primo matrimonio nacquero due figli, Gerhard von Kries nel , e Maria Hedwig von Kries nel Cornelia e Hans-Jürgen von Blumenthal, sposatisi nel nel castello di Klink, ebbero un figlio, Hubertus von Blumenthal Esso ha mantenuto la struttura esterna originaria.

Ella von Schnitzler e il marito Willibald von Dirksen. Fu nominato ambasciatore a Danzica dal al , a Mosca nel , a Tokio nel , a Londra nel Dirksen veniva annoverato tra i diplomatici di spicco della Repubblica di Weimar, che si mostrarono critici nei confronti del movimento nazionalsocialista. Tuttavia non lo fu abbastanza da dimettersi dall'incarico dopo la presa di potere di Hitler. Alla dichiarazione di guerra Dirksen si trovava in Germania e fu messo a riposo.





Vagina streicheln sm scene


Denn das ist der Preis für ein Rendezvous von vier Stunden Mindestdauer. Dann tauen auch noch ihre Haare auf, werden welliger, weicher. Weil sie die immer wieder schwunghaft schüttelt, während sie erzählt, von sich — oder auch einfach nur davon, wer sie an diesem Abend gerade ist: Yogalehrerin, die natürlich schon im indischen Pune war. Lehrerin oder Ärztin jedenfalls, wie von ihren gestrengen Eltern empfohlen, wollte sie nicht werden.

Der verruchte Beruf der Escorts bleibt also ein geheimer, auch wenn die gesellschaftlich umstrittene Prostitution seit in Deutschland gesetzlich als Dienstleistung anerkannt ist. Geheim, auch weil die meisten der sogenannten Gäste Geschäftsleute sind, Männer zwischen 30 und 60, oft verheiratet , mit Geld und zuweilen mit Stil, die keine schnelle Nummer wollen, sondern einen sorgfältig arrangierten Abend, mit einer tollen Frau, die fast immer tut, was sie wollen.

Auf Bestellung, gegen Geld und deswegen irgendwie auch selten verflochten mit schlechtem Gewissen. Hier können Sie selbst Artikel verfassen: Im Interesse unserer User behalten wir uns vor, jeden Beitrag vor der Veröffentlichung zu prüfen. Mindestens 35 Flüchtlinge vor Tunesien ertrunken. Danke für Ihre Bewertung! Klingt unbefriedigend, schmeckt aber nach eiskaltem Gazpacho. Wann haben Sie das letzte Mal aus den Resten den Hauptgang gekocht?

Ihr Kommentar wurde abgeschickt. Bericht schreiben Im Interesse unserer User behalten wir uns vor, jeden Beitrag vor der Veröffentlichung zu prüfen. Adesso, ancora qualche ora a Torino: Nel pomeriggio, proseguo per la Riviera. Ma a Torino sono stato quasi sempre dai Michels. I bambini dormono con la domestica sul divano, nella cameretta di lato.

La prima sera da soli e abbiamo disputato fino all'una e mezzo di notte. Io ho avuto il primo premio per il talento nel gioco; per il resto, in nulla. I bambini sono di una favolosa naturalezza nel loro giudizio. Convenivano ai ricevimenti oltre la sua Gina e la sua Paola, il figlio prof. Sopra al gruppo si legge la seguente dedica: Sodales quos per Urbem Lautetia pilotavit laudabiliter. Fu a casa Lombroso che Roberto Michels conobbe nel il Marchese Raniero Paulucci de Calboli che tanta parte ebbe nella sua vita in epoca successiva, come lui stesso racconta: Mi univano al Paulucci di Calboli, oltre i legami d'ordine ufficiale, vincoli di amicizia personale e di quasi colleganza scientifica.

Fu a un pranzo a casa Lombroso verso il , che chi scrive ebbe l'onore di fare la conoscenza degli illustri coniugi [Paulucci de Calboli]. Nell'agosto del la famiglia Michels si trovava a San Pellegrino, presso Bergamo, dove Gisella faceva una cura termale. Si accompagna spesso col professor avv. Il 18 marzo infatti fu inviata una lettera circolare ad amici e conoscenti in cui si diceva: Egli lascia a malincuore il nostro paese, al quale si sente ormai legato da sentimenti di cittadino e di figlio, e gli amici, che con vivo rammarico lo vedono allontanarsi, mentre sperano di salutarne presto il ritorno, intendono, a testimonianza del loro affetto per l'uomo e della loro ammirazione per lo scienziato, riunirsi a convito attorno a lui ed alla sua egregia, buona e colta Signora, che segue con amore e lieto tormento l'ascensione del compagno della sua vita.

Si spera che V. Michele - Berutti Alberto - Bistolfi Comm. Leonardo - Casalini On. Alberto - Guglielmo Ferrero - Lombroso Dott. Conte Leopoldo - Norlenghi Dott. Camillo - Villavecchia Giulia Dellavalle. Le adesioni si ricevono fino al giorno 28 corr. Michele Berardelli, via Fabro, N. Attorno a lui e alla gentile sua signora erano: Leonardo Bistolfi, il prof. Tedeschi, presidente dell'associazione dei liberi docenti, il dott. Durante questa occasione gli amici gli consegnarono una pergamena come testimonianza di stima e rimpianto con la seguente dedica: Vale, o compagno carissimo alle nostre menti ed ai nostri cuori, e possano i tigli germanici rinverdire al pensoso tuo capo i non effimeri allori, che la primavera italica ha per te germogliati.

Torino 31 marzo Non mi stancai di scrivere in Italia un libro sul commercio germanico, ed un altro sulla Francia contemporanea, e pubblicai, in Francia ed in Germania dei lavori sull'Italia.

Come cittadino, optai una volta, nel Tredici, e per l'Italia. Mi comportai da italiano, quale ormai ero. I tedeschi mi accusavano, i francesi e gli inglesi mi spendevano lodi di essere stato l'autore del libro: Non era mia la funzione di scrivere libri anonimi in momenti che richiedevano visiere aperte.

Oggi ho ricevuto molta posta arretrata da parte tua. Sono molto felice che ti trovi bene in montagna e che ti stai riprendendo. Purtroppo la guerra allunga le sue ombre anche sulle tue montagne, intanto io devo importunarti con questioni molto gravi.

Non dobbiamo di fatto lasciare sole le bambine. Le strade sorvegliate dai soldati svizzeri con le baionette inastate. Tutti gli accessi per la Germania interrotti. Del resto non ho neanche il denaro per andarci. Mosca consiglia un nuovo tentativo mediante un atto notarile, che si potrebbe ottenere, [in cui si dichiara] che noi siamo residenti a Torino. Vediamo [in italiano nel testo]. Con Manon sulle spalle [in italiano nel testo]. Voglio immensamente bene a te e ai bambini e sono. Heute erhalt ich viele nachträgliche Post von Dir.

Glaube an die Vernunft im Menschenleben. Er vergiftet auf Jahre hinaus unsere freundschaftlichen und verwandtschaftlichen Beziehungen in Deutschland u. An Prof essur in Deutschland ist nunmehr kaum noch zu denken.

Wir dürfen eigentlich Mädchen nicht allein lassen. Alle Zugänge zu Deutschland abgeschnitten. Andererseits habe ich zum Hingehen kein Geld. Auch sonst Schwierigkeiten in Hülle u.

Cittadinanza nicht bewilligt, da ausgewandert. Mosca rät nochmaligen Versuch mit notariellem Akt, dass wir in Turin ansässig sind, der zu erwirken wäre. Unterdessen bin ich als Bürger keiner Welten allem ausgesetzt und vogelfrei.

Mit Manon sulle spalle. Vorderhand setze ich Reiseroute fort und fahre Freitag früh nach Celle. Aber früher noch hoffe ich Brief und Rat von Dir. Ich habe Dich und die Kinder unsäglich lieb und bin Dein trauriger B.

Il giorno dopo, il 3 agosto, sempre da Venezia scriveva a Loria: Tu sai che sono tedesco; sai quante amicizie ho in Francia, per la Francia. La morte, sia pur ingiusta di un arciduca non mi sembra che valga tante giovani vite distrutte [ Contributo alla psicologia della guerra mondiale ".

L'aver preso posizione per l'Italia lo mise in cattiva luce presso i tedeschi, presso gli svizzero-tedeschi di Basilea e gli austriaci, come testimoniano gli attacchi cui fu soggetto in questi anni dalla stampa di questi paesi. Non posso assolutamente giudicare se questa notizia sia giusta o no e mi permetto di chiederle, sulla base delle relazioni esistenti tra di noi, se abbia scritto una tale lettera, se in particolare sia divenuto italiano, se abbia educato i Suoi figli del tutto italianamente sia nella lingua sia nei sentimenti e se Lei anche oggi, dopo lo scoppio della guerra tra l'Austria e l'Italia, stia dalla parte dell'Italia.

Con la massima stima, Julius Springer. Nell'ultima lettera di Springer del 7 settembre , in cui l'editore recide il contratto di stampa di un testo di Michels sull'Italia, scrive: I tempi che corrono sono d'altronde tali da diminuire di molto il desiderio di mantenere vivi i rapporti d'amicizia. Coi tedeschi, per esempio, ho dovuto troncare, dopo qualche tentativo fallito, ogni e qualsiasi corrispondenza. E non parliamo poi dei tedeschi di Basilea. Circa l'atteggiamento di Weber sulla guerra scrive infatti Marianne Weber: Fu scritto col sangue stesso del mio cuore.

Non sono mai stato tenero per il cosmopolitismo vago ed indeciso. Lei sa che io ho scelto, e come ho scelto. Come vede il fegato non ci fa proprio difetto! In data 26 luglio Gisella ricevette infatti dal cav. Legazione d'Italia a Berna su incarico del marchese Paulucci de Calboli la seguente lettera: Gentilissima Signora, Sua Eccellenza il Marchese Paulucci de Calboli mi ha incaricato di porgerle riscontro della sua di ieri.

Contro tale pericolo S. Rispose Roberto Michels, per mano di Gisella, il 29 luglio Spinazzola, dietro suo incarico, le scrisse [ Ritengo che la fiducia che Ella mi ha voluto dimostrare e le numerose prove di amicizia di cui Ella mi ha voluto onorare, mi autorizzano a dirle, lealmente, che questa lettera mi ha profondamente ferito. Essa infatti ci qualifica quale stranieri appartenenti a Paesi nemici e ci minaccia, o quasi, qualora volessimo andare in Italia, di essere mandati in un campo di concentramento La lettera del cav.

Un altro motivo di attacco da parte dei giornali tedeschi fu il battesimo dei figli: Il battesimo e la prima comunione secondo la religione cattolica ebbe luogo il 25 dicembre del nella Cappella della Missione Italiana a Basilea. Nel Roberto Michels fu sottoposto in Germania a processo penale. Gli atti del processo sono conservati nel Landesarchiv Baden-Würtenberg []. Infatti lo scoppio della guerra impone loro di decidersi all'improvviso tra i due elementi costitutivi del loro essere spirituale, e le spinge a recidere prematuramente e quindi innaturalmente elementi naturali, non suscettibili d'eliminarsi senza portar danno all'anima della vittima.

Durante il periodo di guerra, a Basilea, scrisse il 20 ottobre la seguente riflessione: Anche Giulio Casalini, deputato del Parlamento italiano, ed amico di Michels fino dal , invitato dalla stessa Associazione, tenne una conferenza in quell'occasione.

Dopo la conferenza l'Eisner fu ospite in casa Michels. Roberto Michels, che aveva ricevuto strane telefonate da sconosciuti che chiedevano del Presidente, lo mise in guardia: In ricordo di quattro giornate indimenticabili e con una riconoscenza profonda.

Nello stesso anno compie un viaggio in Cecoslovacchia di cui informa con una breve relazione il R. Console Generale d'Italia a Basilea. In un pomeriggio del periodo pasquale del conobbe di persona Mussolini, come egli stesso ricorda nel suo libro " Italien von heute": Nello scorso mese di marzo-aprile ha avuto luogo a Davos nei Grigioni Svizzera il primo corso universitario organizzato, su basi finanziarie locali, da un Comitato particolare diretto dal noto Sportman e medico davosiano dott.

Müller e dal prof. Siccome, oltre agli studenti malati residenti a Davos [ Mendelssohn-Bartholdy, diede ai corsi universitari di Davos un lustro e una ripercussione grandissimi.

In altri termini, i tedeschi facevano di tutto, onestamente, per ammettere, anzi, per mettere in luce il contributo che nel ramo della scienza da essi rappresentato, avevano dato, e seguitavano a dare, i francesi e viceversa. Seguirono negli anni altre tovaglie con le firme di Max Weber, Sombart, Giulio Casalini, di pittori, scultori e infiniti altri tra cui i generi Mario Einaudi e Filippo Gallino.

In una lettera alla moglie Gisella del 25 marzo aveva scritto: Devono volermi avere liberamente. Alla partenza da Basilea Roberto Michels ricevette come ricordo un grande piatto di peltro con un drago alato a sbalzo, che tiene tra gli artigli lo stemma di Basilea, e sul bordo la scritta: La Dante Alighieri e gli amici della Colonia di Basilea Il Presidente della Renaissance, Alfred Stöcklin, tenne un lunghissimo discorso.

In un quaderno di appunti scrisse in italiano la seguente riflessione: Infatti, me ne sono provenute infinite noie, malintesi ed apprezzamenti ingiusti sul mio conto.

Sembra che Michels [ Per quanto riguarda l'antisemitismo o meno di Roberto Michels, scrive Corrado Malandrino: Chi conosceva Michels sapeva bene che fra tutti i difetti possibili, persino negli anni finali di adesione alla fede fascista e nazionalista, non aveva quello del razzismo.

Nonostante cercasse di essere trasferito a Roma o a Torino, e questo soprattutto nel , Roberto Michels rimase a Perugia fino alla morte, sopravvenuta a Roma nel maggio del Una forte emorragia al naso lo aveva colto il 13 febbraio dello stesso anno nel corso di una conferenza a Bordeaux in Francia.

Riuscirono a tamponare il flusso e riprese la conferenza. Rimasto poi a letto due giorni a Bordeaux, volle proseguire il suo giro di conferenze per cui tenne a Toulouse una seconda conferenza il 17 febbraio, ed una terza il 21 febbraio a Montpellier.

Fu ricoverato in clinica per otto giorni. Funerali solenni di Roberto Michels. Dietro al feretro Filippo Gallino accanto alla moglie Daisy. A lato Hubert Lagardelle il secondo. Reggevano i cordoni S. Dietro al feretro la moglie Gisella tra i figli Mario e Daisy. Il medaglione che si trova sulla tomba a Campo Verano, Pincetto vecchio, riquadro n. Accanto a Roberto Michels riposano la moglie Gisella, morta il 9 novembre ad Alassio, e il figlio Mario, morto a Torino il 27 aprile Chi visiti la tomba di Michels [ Con questo epitaffio il patriottismo di Michels assume una nota del tutto particolare: In anni recenti e da ultimo, quasi presago della sorte che il 2 maggio gli chiudeva il cammino della vita iniziato il 9 gennaio , aveva riandato la storia della sua famiglia, ricollegando la vita dell'avo renano Peter Michels e del cugino materno ispano-fiammingo Don Juan van Halen agli avvenimenti del tempo in cui vissero.

A scrivere di storia lo spingeva la simpatia verso gli uomini dei cui fatti egli narrava le vicende o le cui teorie voleva ricostruire. I moltissimi amici, che egli aveva in Italia e fuori, se li era meritati per la cordiale attitudine anzi il vivo desiderio di vederli in quello che essi avevano di buono, di intelligente, di attraente.

Alla fredda logica anteponeva il calore dell'intuizione. Il suo campo preferito erano le no man's lands, i terreni di nessuno, nel luogo dei grandi nodi stradali, dove le scienze, le idee, i partiti ed i popoli si incontrano, si mescolano e si arricchiscono l'un l'altro.

Scrive Emma Schiavon in un suo saggio: Nella commissione organizzativa del Congresso entrava per la prima volta anche la tedesca socialista, femminista e studiosa della cooperazione Gisella Lindner Michels, moglie del noto sociologo ed economista Roberto Michels. Su di un quaderno di appunti dell'epoca di guerra, Roberto Michels scrisse in italiano: Persone illustri che vollero tanto bene alla Gisella: Il rapporto tra Roberto e Gisella fu sempre di estrema collaborazione: Gisella Michels-Lindner, collaboratrice scientifica attenta ed indispensabile del marito, fu lei stessa autrice di ricerche originali sulla disoccupazione, sul movimento cooperativo e municipalista tedesco e italiano.

Si ricordano di lei i seguenti scritti: Gisella Michels Lindner, di Roberto moglie amata, inseparabile compagna nelle peregrinazioni ideali e pratiche della vita, madre dei suoi cinque figli. Dal all'anno della sua morte, , Gisella, abbandonata la casa di Roma era ritornata in Piemonte, a Dogliani, nel cuneese, al "Tecc Prott", casa che il consuocero Luigi Einaudi aveva fatto riattare per lei.

Durante la seconda guerra mondiale dal al , la casa fu requisita da soldati tedeschi. Gisella fu costretta a trasferirsi nella vicina tenuta Abbene, appartenuta un tempo allo zio materno del senatore Luigi Einaudi, Francesco Fracchia, e riacquistata dallo stesso Luigi nel Nel precipitoso trasloco fu smarrita la collezione di francobolli rari e preziosi, l'unica collezione ancora in possesso di Gisella Michels.

Si conosce molto poco della famiglia Lindner. Porcio Latrone Commentatio ". Di lui non si hanno ulteriori notizie. A Breslau l'anno successivo nacque la prima figlia Hildegard Lindner. Fu insignito della nomina di Geheimer Rath , Consigliere Intimo. Diede prova di umorismo in una riunione studentesca in occasione delle Giornate della Storia del alla Burse zur Tulpe [] con il suo discorso in cui illustrava il significato della birra per il popolo tedesco.

Al suo funerale parlarono allievi e colleghi e per suo espresso desiderio nessun religioso. Fece la volontaria per 2 mesi nell'Istituto di patologia del Consigliere intimo Dr. Eberth, tre mesi nella Clinica per donne del Dr. Fu la prima donna medico ad esercitare a Danzica dal al Voci in famiglia, non documentate, parlavano di un vagone piombato con cui fu trasportata in Polonia.

Theodor Lindner, la figlia Hildegard e il marito Carl Catoir. La madre di Gisella, Agnes Kügler , era pronipote diretta da parte di madre di Johann Adolph Sack , uno degli undici fratelli del fondatore della Sack'sche Familienstiftung.

L'origine di questa Fondazione risale a Simon Heinrich Sack Non avendo discendenti diretti, decise di lasciare i suoi beni, tramite una fondazione, alla numerosa discendenza dei fratelli, ma la morte lo colse prima di riuscire a realizzarla. La Sack'sche Familienstiftung esiste ancora dopo duecento anni, e la sua azione continua nello spirito di Simons Heinrich Sack; essa riunisce a tutt'oggi circa 6.

Essa vantava sin dagli inizi tra i suoi membri un gran numero di magistrati, di alti funzionari dello stato e di membri del clero, tra cui il cugino di Simon Heinrich, August Friedrich Wilhelm Sack , noto teologo e filosofo, chiamato alla corte del re di Prussia Federico II come predicatore.

Nato il 3 dicembre a Marburgo a. Lahn, cittadino italiano di Antagnod d'Ayas, Valle d'Aosta [ Successivamente studiai per un anno come ingegnere chimico industriale al Politecnico di Torino. Dal al lavorai sulla cellulosa acetilica processo di acetilazione, smalti e vernici, materiali plastiche e pellicole , inoltre mi occupai di solventi e ammorbidenti per la ditta "Lonza A. Negli anni continuai gli studi di chimica organica pratica e lavorai come collaboratore per la ditta di seta artificiale "Rhodiaseta" con lavori sulla saponificazione della fibra di cellulosa acetilica, studi sull'assorbimento da parte degli aldeidi, soprattutto di idrati di cloralio e derivati della cellulosa.

Dall'inizio del fino all'inverno del fui dirigente del reparto di chimica della ditta di seta artificiale "Soieries de Strasbourg". Nell'estate del fui inviato in Russia per avviare la ditta di seta artificiale "Pjatilietca" di Leningrado. Tornato dalla Russia conclusi lo studio iniziato sotto la guida del signor Professore P. Nel Mario Michels, presentato dal cognato Filippo Gallino al sen.

Nel trascorse 5 mesi in Polonia, tra Cracovia, Varsavia, Vilnius e Gdinia, specializzandosi in paesaggi, oltre che nei ritratti cui si era dedicata in precedenza. Al rientro in Italia, nel marzo del , espose a Roma, sotto il patrocinio dell'Istituto italo-polacco, 42 quadri e 35 disegni di impressioni di viaggio dedicati alla Polonia.

Conseguita la libera docenza nel , l'anno seguente fu incaricato di storia delle dottrine politiche a Messina. Manon Michels fin da giovanissima accompagnava il padre nei suoi viaggi, facendogli da segretaria e diventando un'ottima collaboratrice. Dal testo di Manon Michels si viene a conoscenza che anche Roberto Michels, non solo la moglie Gisella, sapeva suonare il pianoforte: Invitato insieme all' on. Pierazzoli ad una delle riunioni che tradizionalmente si tenevano a casa Michels, vi conobbe la figlia Daisy.

Nell'informare i propri genitori in una lettera del 18 maggio, scrisse: Sono tedeschi naturalizzati italiani da prima della guerra. Conoscono il piemontese meglio dell'italiano. Nello stesso anno aveva abbandonato la carriera diplomatica intrapresa nel e era entrato nello studio legale romano della Cartiera di Verzuolo Ing.

A Torino nel nacquero i gemelli Anna e Roberto, nel a San Mauro torinese, sulla collina di Superga, dove i Gallino si erano stabiliti dal , nacque l'ultimogenita Maria Costanza.

Le parti che seguono, spiccatamente di carattere genealogico, risulteranno alquanto pesanti per il lettore. Scrive Roberto Michels nel saggio sul nonno Peter a proposito della moglie di lui Constance: I van Halen provengono da un'antica stirpe nobile di Weert nel Limburg. La sua vedova era una francese, nata Simon. Dopo la morte di suo marito Madame Maria Marguerite aveva dovuto faticare veramente con i suoi nove figli.

Le sue opere di trovano al museo di Anversa. La famiglia van Halen ha origini lontane. Nel quattordicesimo secolo apparve un Simon van Halen il cui vero nome sembra fosse Mirabello, italiano. Don Antonio padre aveva abbracciato la carriera militare e al momento della nascita di Don Juan era Luogotenente di Fregata.

I van Halen sono d'origine fiamminga, sebbene per la maggior parte di lingua francese. La nonna paterna era irlandese. A questo punto Roberto Michels fa la seguente riflessione: Tutta la sua vita ne fornisce le prove. Don Juan rappresenta una particolare sintesi tra un eroe, un avventuriero e un filosofo. Su questi volumi di memoria aggiunge nel saggio su Don Juan: Tornando al testo Peter Michels: A Bruxelles in Place de la Dependance esiste un monumento che raffigura don Juan van Halen con la sciabola, ma il monumento non porta il suo nome.

Ogni vita umana di qualche rilievo giunge ad un punto culminante. Il punto culminante della vita di Don Juan van Halen consiste incontestabilmente nel ruolo eminente ch'egli ha avuto nella rivoluzione belga.

In Belgio, al contrario, l'azione di van Halen emerge; essa tocca uno dei crocevia della storia europea; essa si annovera tra i grandi avvenimenti del XIX secolo.

Bruxelles , 25 settembre. Dedizione e fratellanza sincera, Juan van Halen. Nella famiglia Michels aleggiava viceversa questa versione, come riporta Roberto Michels nel Peter: Don Juan rimase ancora per alcuni anni a Bruxelles, ma fu richiamato in Spagna nel dove assunse il comando di una divisione con la quale sconfisse i Carlisti a Navarra.

Per questo motivo il 22 febbraio fu nominato Conde de Peracamps. Dal matrimonio nacquero ben nove figli dai quali discesero molti rami di Neven in Olanda, Belgio e Germania.

Mathieu Neven era quindi fratellastro di Constance van Halen , la moglie di Peter. Mathieu Neven, fratellastro di Constanze Michels van Halen. Album di Gisella Michels. August Libert, che si occupava inizialmente dell'azienda fondata dal nonno, la Math. Neven , alla morte del suocero nel divenne socio insieme al fratello della moglie, Ludwig DuMont, della Casa Editrice e Tipografia M.

Joseph e Alfred diressero insieme la M. Il giornale esiste tuttora. La famiglia Simons di Colonia non era imparentata in alcun modo con i Simons di Maastricht.

Il 14 gennaio Roberto Michels ricevette dall'oculista dr. Posseggo del mio bisnonno Friedrich Laurenz Simons un quadro dal quale traspare la grande somiglianza con sua sorella Anna Marie. Innanzi tutto voglio rispondere alle Sue domande circa la parentela. Scrive inoltre Arthur von Nell ad Anna Michels Schnitzler, la quale evidentemente gli aveva anche chiesto se conoscesse suo zio Wolfgang Müller aus Königswinter: Arthur von Nell apparteneva ad una nobile famiglia oriunda di Treviri ed era padrone della tenuta nobiliare di St.

Mathias, un grande complesso abbaziale dei monaci benedettini che nel fu secolarizzato dai Francesi. Il nonno di Arthur von Nell, il commerciante Christoff Philipp Nell, ne aveva comprato il chiostro ed alcuni edifici contigui poi adibiti ad abitazione o ad uso agricolo. La prego di salutarmi suo figlio, il Professore, anche se non lo conosco.

Forse lui conosce mio figlio il Prof. Il doppio cognome Nell - Breuning fu assunto da Oswald in seguito alla morte dell'unico fratello della madre Bernarda, morto senza figli. Come sei da invidiare: Peter Michels era un renano di vecchio stampo. Tutte le sue cinque figlie sposarono certamente renani di buona e antica famiglia cattolica, ma due di essi erano ufficiali prussiani e uno era diventato Presidente di Distretto.

Dei quattro figli maschi, tre si sposarono con ragazze di buona famiglia cattolica renana due durante le vita di Peter, uno dopo la sua morte.

Tra la prima, Anna Marie, e l'ultima, Greta, intercorrono ventidue anni. Greta nacque nello stesso anno, il , in cui Anna Marie si sposava. Mancano tuttavia i dati relativi a Julius, Anna e Greta. Era bella d'aspetto, di grandi doti intellettuali, piena di vita e socievole per natura. Era nato il 26 gennaio Era un uomo per bene, molto buono, ma poco energico e debole. Racconta Paul Kaufmann che una sua zia. Nella casa dei Mayer ospitale ed animata da graziose cuginette ho passato molte ore felici delle quali ho graditi ricordi.

Nei passaggi e nelle carceri sotterranee cercavamo tesori sepolti e incantevoli principesse. Possedeva infatti una ricca raccolta di fotografie di uomini e donne famose, ben ordinata secondo i campi del sapere.

A ciascuna foto era acclusa una breve descrizione della vita della persona rappresentata. Una raccolta per noi bimbi stimolante e istruttiva.

Suo marito, che era volubile nelle sue passioni, ma di buon cuore, si distingueva per una memoria eccezionale e per un gran talento per le lingue.

I Mayer ebbero otto figli , cinque femmine e tre maschi. Leopold aveva infatti ricevuto un'accurata formazione musicale. Egli aveva preso lezioni di canto da Johanna Kinkel.

A volte ci stupiva quando si travestiva da cacciatore con uno schioppo in mano per recitare l'aria per lui particolarmente impegnativa di Max dal "Franco cacciatore". In un concerto, che negli anni sessanta fu organizzato dagli amanti dell'arte a Bonn a favore dei poveri della Prussia dell'est, ho ascoltato da mio Padre la meravigliosa aria di Fernando dal finale del Fidelio.

Ebbe quattro figlie, tra cui. Diplomatico tedesco, naturalizzato austriaco, Ludwig von Pastor fu ambasciatore d'Austria presso la Santa Sede. Constanze fu insignita dell'ordine papale "Pro Ecclesia et Pontifice et Benemerenti". T enente nell'armata austriaca, nel fu uno dei pochi a combattere con il proprio reggimento contro le truppe tedesche che erano entrate in Vienna per annettere l'Austria alla Germania.

Fatto prigioniero fu mandato a Dachau, uno dei primi campi di concentramento ove furono internati nel '38 gli oppositori arrestati nei territori annessi, come l'Austria. Nel fu inviato in Francia come ufficiale di sicurezza per sorvegliare la produzione di armi a Niort. In quel periodo venne a contatto con un gruppo francese di opposizione, il Goelette , diretto da un certo Renaudot di Parigi.

Tra l'altro convinse suo cugino Guillaume, che lavorava al quartiere generale del servizio Armi e Munizioni della Wehrmacht all'hotel Astoria a Parigi, a rubare dal proprio ufficio le informazioni tecniche sulle rampe di lancio dei missili V Rientrato a Bonn dopo il pensionamento il 28 dicembre del vi rimase ucciso sotto il bombardamento. Era una bella donna, specialmente quando era vestita in abito da ballo di gran gala, estremamente piena di vita, ma irrequieta.

La coppia aveva una casa molto ospitale. Dipinto di Sophie Koner, circa Dal matrimonio nacquero due figlie. Max, i fratelli Arnold e Theodor furono elevati al ceto nobiliare nel con il diritto di portare il " von "; Theodor nel divenne anche barone. Egli fece modernizzare la casa e trasformarla in una villa di campagna di rappresentanza, il cosiddetto Schloss Calmuth. Pauline era una signora intelligente e vivace, con un grande carattere aperto, un'eccellente moglie e madre.

Fu Presidente del Circondario dal al Gli successe il figlio Max per lo stesso incarico. Pauline von Sandt Michels. Dal fino al Max von Sandt fu Presidente del Distretto governativo di Aquisgrana, dall'agosto del '14 al luglio del '17 fu a capo dell'Amministrazione Civile del Belgio, dal '17 al '18 a quella di Varsavia. Dal matrimonio nacquero quattro figli, tra cui Otto Crome, nato intorno al Il castello fu completamente distrutto durante la seconda guerra mondiale.

Julius e Anna furono i genitori di Roberto Michels. Ernst Michels fu il settimo figlio di Peter Michels. Ero sicuro che la mia scelta, quando l'avessi loro rivelata, sarebbe stata gradita ai miei genitori.

Dopo la rappresentazione o il concerto - io ero diventato molto amante della musica - cercavo di essere accettato prestandomi in guardaroba o accompagnando a casa le signore Mülhens. Lina aveva vent'anni all'epoca ed io ventiquattro. Le famiglie non si frequentavano, ma in quanto veraci coloniesi sapevano l'una dell'altra. A lui successe il figlio che portava il suo stesso nome, Ernst.

Nel chiese un anno di congedo per servire nell'esercito papale come tenente. Per le sue prestazioni nella battaglia di Castelfidardo contro l'esercito del Regno di Sardegna fu insignito dell'ordine di San Gregorio. Possedeva tenute nobiliari a Monheim sul Reno, Daberg e Kollenbach. Successe al padre nella conduzione dell'impresa di Peter Michels. Era un uomo buono di cuore, giustamente dotato, ma purtroppo non sapeva fermarsi a casa. Dopo il congedo visse a Berlino.

Sua moglie Anna Fay, nata il 10 gennaio , morta a Neuss il 25 agosto , era una donna bella e appariscente, moglie e madre esemplare. Ebbero tre figli maschi. Da Ludwig von Poschinger Ada ebbe due figlie. Risposatasi altre tre volte, ebbe altre due figlie dal terzo marito, il banchiere di Duisburg Albert Wichterich.

Greta Michels fu l'ultima figlia di Peter. La famiglia viveva in un castello tardo barocco a Burg Eicks presso Mechernich, nel distretto di Euskirchen nella Renania, Nord-Vestfalia. Il castello, tuttora in possesso degli eredi, fu regalato al Barone dalla zia materna Franziska Syberg, ultima discendente dei von Syberg che erano stati padroni del castello fin dal Dal matrimonio nacquero tre figlie.

Greta Michels con il marito Wilhelm von Hövel. Il convento ottenne nel dal duca Adolf von Berg il privilegio della "produzione e commercio del vino". Nel divenne un quartiere di Solingen. Nel il duca Guglielmo II di Berg concesse agli artigiani di Solingen che forgiavano, affilavano, brunivano lame e spade, le cosiddette "armi bianche", artigiani il cui lavoro era all'epoca organizzato in confraternite, il diritto di riunirsi in una corporazione, la " Schwertschmiedezunft ".

Inoltre l'accettazione nella corporazione avveniva per tutti i membri sotto il vincolo di giuramento di non "emigrare". Alla corporazione era riservata non solo la produzione, ma anche la vendita delle armi bianche.

Nel il privilegio fu esteso ai fabbricanti di coltelli e nel anche ai produttori di forbici. Gli Schnitzler erano commercianti, ma privi del "privilegio" ducale: Il "privilegio" corporativo decadde solo nel , sotto Napoleone.

Dalla seconda moglie, Mechel Rück von der Höhe, morta nel , ebbe sei figli, tra cui. Come sindaco di Gräfrath fece portare l'acqua corrente in paese e costruire nella piazza del mercato una fontana, che esiste tuttora. Il figlio del fratellastro J. Nel dopo aver portato a termine buoni affari con Lisbona, mentre in nave faceva rotta verso Oporto, Abraham fu rapito da corsari marocchini, con "patente di corsa" inglese. Venuto a conoscenza del fatto, Philipp Jakob, suo zio, si rivolse ad un lonitano parente acquisito della moglie, il maresciallo napoleonico Soult, visto che il Governo marocchino era alleato della Francia.

Abraham fu liberato circa un anno dopo il suo rapimento. Da lui discese il ramo degli Schnitzler di Düsseldorf, ramo che tuttavia si estinse per via maschile. I tre figli maggiori, Karl Eduard, Karl August, Karl Albert, dopo aver frequentato la scuola commerciale di Solingen, e seguito un praticantato in patria e all'estero, entrarono uno dopo l'altro come impiegati, e poi come soci, nella ditta del padre.

August e nel ne divenne socio. I due fratelli rimasti si suddivisero gli incarichi: Fu Presidente della Camera di commercio di Solingen nel periodo e Nel fu nominato dal Re Consigliere di commercio del Regno. Due delle quattro figlie di Philipp Jakob Schnitzler entrarono a far parte della famiglia Langen: L'avo Philipp Jakob Schnitzler ed i suoi discendenti si consideravano infatti legati da parentela con i Berg e fieri del legame stabilitosi con il maresciallo Soult di Napoleone.

Anna Maria Bick e il maresciallo Soult. Questa famiglia ne fu proprietaria fino al Nel la casa fu abbattuta e al suo posto sorse una nuova costruzione. Ai tempi di Napoleone matrimonii fra generali francesi e fanciulle renane avvenivano di frequente. Ed era davvero una donna di fegato. Si tratta della romanza " I due Granatieri ", che fu musicata anche da Schumann.

Roberto Michels scrive di Soult anche nel saggio su Peter Michels, dove, oltre a rifarsi al testo del Nottbrock, scandisce le tappe della carriera del maresciallo: L'anno successivo, in vista della progettata campagna di Russia, corse il pericolo di esser precettato: Il terzogenito Karl Albert nel frattempo stava compiendo l'apprendistato presso la ditta J.

Karl Eduard ebbe modo di fare apprezzare le proprie doti commerciali dal capo della ditta Stein, Johann Heinrich Stein , e di frequentarne la famiglia.

Johann Heinrich Stein , aveva solo 17 anni, ed il secondo, Karl Martin Stein , solo 14 anni. Stein , che all'epoca si occupava di commissioni e spedizioni di beni commerciali, oltre che di commercio di vino. Racconta il pronipote Karl-Eduard von Schnitzler: Stein sempre uno Stein ed uno Schnitzler. Per venticinque anni Karl Eduard Schnitzler fu Consigliere comunale; fu inoltre membro del Comitato amministrativo di diverse Compagnie ferroviarie ed assicurative.

Nel fu nominato Consigliere reale di commercio. Dal al fu Presidente della Camera di commercio di Colonia, nel fu nominato Consigliere intimo di commercio, nel fu insignito dell'Ordine prussiano dell'Aquila Rossa di III classe con il Fiocco.

Scrive Victor Schnitzler, che all'epoca aveva solo sette anni: La Villa, costruita nel , fu ricomprata dallo suocero di Viktor, Otto Andreae , Consigliere intimo di commercio. Karl Eduard e Wilhelmine Schnitzler furono sepolti a Melaten, il cimitero monumentale di Colonia, nella tomba di famiglia degli Schnitzler.

L'antica tomba di famiglia di cui si ha una riproduzione sul libro di Nottbrock, fu distrutta nel dalle bombe. Al suo posto oggi ci sono due grandi lastre di granito orizzontali in mezzo ad aiuole fiorite con i nomi incisi. Nello stesso anno fu nominato Consigliere del governo e Viceprefetto a Colonia e nell'anno successivo membro della Camera Disciplinare del Regno. Fu Consigliere della Camera dei conti. Ritratto di Norbert Schroedl, marito della cugina Else Müller.

Nel l'Imperatore gli concesse l'Ordine dell'Aquila di III classe con il fiocco in occasione dell'inaugurazione del nuovo edificio scolastico del Conservatorio di Musica nella Wolfsstrasse.

Egli era stato nel infatti uno dei fondatori di questa istituzione e dal ne era il Presidente. Il Gürzenich, fondato nel come sala per le feste dalla famiglia patrizia von Gürzenich, dopo esser stato un grande magazzino divenne sala da concerti. Nel in questa sala fu eseguita la prima del concerto per violino e violoncello di Brahms. Gli interessi di Robert Schnitzler tuttavia non erano rivolti solo alla musica, per quanto questa fosse la sua passione principale, ma anche alla letteratura e alla scienza: Di queste opere letterarie non si ha traccia: Ritratto ad olio del circa.

Museum für Angewandte Kunst. Nel ottenne la medaglia ricordo di guerra e la croce al merito per signore e signorine. Mia madre da giovinetta era esperta in pianoforte e in violino, ma dopo il suo matrimonio aveva abbandonato il violino. Ancora un anno prima della sua morte ho suonato insieme a lei a quattro mani le sinfonie di Brahms e oggi sento ancora il giovanile entusiasmo con cui lei affrontava in un Tempo vivacissimo le ultime frasi delle difficili opere.

La casa era frequentata dai migliori musicisti dell'epoca: Rimase inascoltata la richiesta al Ministero della Cultura fatta dal sig. Consigliere intimo Schnitzler, come Presidente del Comitato della Festa della Musica, di investire il Maestro, celebre nel mondo, che aveva intrapreso il suo primo viaggio in Germania, di un Ordine prussiano!

Con Brahms Robert Schnitzler suonava a quattro mani le sue composizioni edite o ancora in nuce, sinfonie comprese. Brahms si fermava ogni volta per molto tempo a Colonia, e amava [fare] discussioni serie e serene sulla musica, la scienza, la letteratura, la politica fino a notte fonda. Concerto in Bahnhofstrasse 4. Al piano Paula, al violino Robert. In piedi Anna e Karl e la madre Clara. In braccio al padre Robert, Victor. Quando non erano disponibili artisti, venivano chiamati i dilettanti.

I genitori davano molta importanza a che si esibissero i miei fratelli maggiori. La musica in casa era a quell'epoca assolutamente nel sangue. Joseph Joachim e la moglie Amalie Schneeweiss, ospiti fissi in Bahnhofstrasse, con la loro presenza allietarono anche i pomeriggi musicali che, seguendo la tradizione del padre, la figlia Anna Michels Schnitzler , madre di Roberto Michels, tenne successivamente Berlino dove i Michels si eran trasferiti da Colonia dopo il e poi a Villa Anna ad Eisenach.

Consigliere intimo si trovava proprio a Cadenabbia [] per riaversi dalle conseguenze della sua malattia. Robert e Clara Schnitzler sono sepolti nella tomba della famiglia Schnitzler al cimitero Melaten di Colonia.

Gli zii materni di Roberto Michels: I figli di Robert Scnitzler. Assolse il servizio militare come volontario negli Ussari e fu nominato ufficiale di riserva. Divenne delegato della Santa Sede presso l'Organizzazione internazionale dell'energia atomica. Dal al '71 appartenne al Comitato centrale dei Cattolici tedeschi, con sede a Bonn, struttura ufficiale che rappresenta i laici in seno alla Chiesa cattolica romana in Germania.

La coppia ebbe due figli. Fu la madre di Roberto Michels. I figli furono battezzati nella fede cattolica. Le figlie seguirono la religione evangelica. Per la sua partecipazione alla guerra del Eugen Pfeifer fu insignito della croce di ferro di II classe e della medaglia ricordo di guerra. Nel Eugen Pfeifer si fece costruire sulla collina tra Bonn e Bad Godesberg una grande villa in stile storicista , Haus Annaberg dove soleva passare i mesi estivi.

Dopo la sua morte la villa fu venduta dagli eredi. In essa sono state ricavate 35 stanze per gli studenti. Le sorelle Anna e Paula erano molto legate tra di loro e si frequentavano assiduamente. La tenuta con la villa fu venduta nel dal Dr.

La coppia ebbe due figli maschi, Eugen e Wilhelm, che dopo la morte del padre e la vendita della villa a Viktorshöhe, si stabilirono a Brema. La ditta esiste tuttora.

A Port Elisabeth fu presto all'apice di ogni organizzazione di carattere musicale. Nella sua casa organizzava serate di musica da camera e spesso come violino solista suonava in pubblici concerti di beneficenza. I coniugi Schnitzler ebbero una sola figlia, Charlotte Doris , nata nel e morta a soli 26 anni. Il 19 luglio nacqui a Nachrodt i. Sembra che l'arrivo del quinto figlio non sia stato accolto con particolare entusiasmo dai miei genitori; infatti mio padre si era recato in quel periodo in Svizzera.

In compenso il mio battesimo fu festeggiato in modo particolarmente bello nella romantica Klarashöhe. Particolarmente dotato per la musica, Victor prese le sue prime lezioni di pianoforte dalla sorella Paula: Devo aver mostrato all'epoca un grande talento musicale, tanto che i miei genitori accarezzarono seriamente l'idea di destinarmi a una vita d'artista.

A questo scopo suonai davanti a un pregiato consesso, di cui facevano parte Ferdinand Hiller e Klara Schumann. Questi anni furono poco piacevoli per me: Il periodo del mio studio a Bonn si svolse sotto il segno della vita di corporazione studentesca. Questa decisione aveva le sue radici nel desiderio di non essere obbligato ad allontanarmi da Colonia, ma soprattutto dalla casa dei genitori. Una mia permanenza a Colonia come giudice era esclusa, dopo che mio fratello Robert e mio cugino Paul Schnitzler eran entrati di ruolo per questo incarico a Colonia.

Nel frattempo si era sposato il 19 luglio con Ludowika von Borrell du Vernay , detta Wika , adottata con il cognome di Andreae. La mia precedente impressione non mi aveva ingannato, avevo dunque trovato in mia moglie non solo un grande talento musicale, ma anche una calorosa, entusiasta promotrice delle belle arti. Ludowika, detta Wika, Schnitzler-Andreae. Victor fu nominato Consigliere intimo di Giustizia.

Come liberale fu eletto deputato e poi membro della Camera prussiana dei rappresentanti. Anche Victor, come il padre, ospitava nella sua casa i musicisti che venivano a Colonia per suonare al Gürzenich o all'Opera. In esso si sofferma a lungo su J. La figlia maggiore di Victor, Tony, raccolse sul suo libro degli ospiti le firme dei musicisti che frequentavano la casa del padre; essi sono: Pablo de Sarasate Nel la casa fu improvvisamente venduta in seguito alla grave crisi finanziaria dell'epoca.

La maggior parte del tempo tuttavia la trascorrevano nella villa a Mehlem. Ebbe un ruolo importante nelle vita culturale di Colonia. Noi la chiamammo di conseguenza Olga Johanna. Deve esser bello scrivere questo per lettera e gli occhi della felice mamma e della nonna brilleranno tanto da far cadere un riflesso su questo foglio che Le reca i miei auguri di cuore e i saluti. Ma come me [l'avete chiamata]? Se potessi farlo di persona, ne sarei particolarmente felice.

Nel frattempo mi lasci sperare e giungano per oggi a Lei e ai Suoi i saluti cordiali del Suo devotissimo J. Alla fine degli anni venti fu direttore del teatro di prosa di Monaco e poi di Berlino. Nell'ottobre del divenne tenente e fece parte dopo la fine della campagna di Francia del della Commissione-armistizio dell'Ispettorato di Controllo dell'Aeronautica.

Successivamente fu nominato secondo Addetto Aeronautico a Roma e temporaneamente fu delegato in Nord Africa alla morte di Rommel. Nell'agosto del ebbe un colloquio privato con Mussolini, di cui non si sa nulla di preciso. Dopo l'uscita dell'Italia dall'alleanza con la Germania ebbe luogo l'occupazione del territorio da parte delle truppe tedesche, le forze armate italiane furono disarmate e fatte prigioniere nei Balcani e in Francia.

Fino ad allora il Governo italiano era stato in grado di opporsi alla pretesa tedesca di internare e deportare gli ebrei. Herbert fu in rapporto con Roberto Michels e la sua famiglia. Su suo interessamento nel la moglie di Roberto Michels, Gisella Michels Lindner, ottenne un aiuto pecuniario da parte di Mussolini, pari a Il 6 agosto egli [Herbert von Veltheim] invia a Mussolini che lo aveva espressamente incaricato in tal senso un promemoria sulle condizioni della signora Michels.

Von Veltheim riferiva che a partire dall'inizio della guerra la signora Michels viveva a Tetto Protto Dogliani, Cuneo in un piccolo appartamento preso in affitto, dal momento che le sue condizioni economiche non le avevano permesso di conservare quello di Roma.

Johann David Herstatt proveniva da un'antica famiglia di banchieri di origine ugonotta che per quattro generazioni avevano guidato la Banca J. Ebbero un'unica figlia, Ellen , nata nel Tale privilegio fu esteso ai fratelli e alle loro famiglie, indipendentemente dal sesso. Suo nipote, Karl-Eduard von Schnitzler, riporta il testo del decreto nel suo libro di memorie: Noi ordiniamo e comandiamo che d'ora in poi i suddetti fratelli Cugini di secondo grado di Roberto Michels, figli di Eduard Schnitzler.

Richard von Schnitzler , primogenito di Eduard. Stein , di cui divenne socio nel Farben , tristemente legata al nazismo, fondata nel , dove ebbero posizioni di rilievo anche altri membri della famiglia von Schnitzler. Farben , di cui divenne membro del Consiglio di amministrazione. Dipinto di Leo Samberger. Nel divenne comproprietario della banca J. Fu membro del Comitato di amministrazione di diverse imprese.

Edith von Schröder fu una grande promotrice delle belle arti e assunse incarichi di presidenza nelle fondazioni artistiche di Colonia. Paul von Schnitzler , secondogenito di Eduard. Georg von Schnitzler , il primogenito di Paul von Schnitzler, dopo la costituzione del polo chimico I.

Fu processato e condannato a Norimberga nel a 5 anni, anche se la pena gli fu condonata nel Dopo la prigionia divenne presidente della Compagnia tedesco-ispano-americana. Nel la casa dei von Schnitzler a Francoforte fu distrutta dalle bombe. In questa casa ebbe luogo una delle due riunioni per la fondazione della Max-Beckmann-Gesellschaft , cui Lilly teneva molto, ed in questa casa furono ospitati molti borsisti della M-B-Gesellschaft.

Oltre agli internati dei campi di concentramento, la fabbrica sfruttava lavoratori che venivano reclutati forzatamente nelle nazioni come la Francia e l'Italia, come vien ricordato dal pronipote di Eduard, Hans Deichmann nel suo libro di memorie. Farben Haus , come quartiere generale del gruppo industriale, sede tra l'altro del Consiglio di amministrazione.

I 24 consiglieri della I. Farben , tra cui Georg von Schnitzler, furono posti sotto processo dal tribunale di Norimberga. Nel la I. Dovette vendere la casa di campagna, Haus Hombusch , nell'Eifel, la casa di Colonia in Georgsplatz 16, che aveva ereditato da un bisnonno. Nel tutti i suoi beni furono messi all'asta.

Ada, viceversa, era una convinta repubblicana e aveva educato i figli in questo senso. Con Ada Roberto Michels ela sua famiglia mantennero stretti rapporti. Lo zio Georg von Schnitzler lo fece entrare nella I. Farben , Senta Fayan Vlielander Hein, da cui ebbe una figlia e due figli.

Farben e dal plenipotenziario per l'industria chimica prof. Era un circolo di discussione non violenta e di riflessione, creato allo scopo di preparare una Germania post nazista democratica, umanista, sociale ed europea. Era in contatto con altri gruppi della resistenza tedesca. Helmuth James von Moltke fu arrestato all'inizio del e il gruppo si sciolse; alcuni membri aderirono al gruppo di Claus Schenk, conte di Stauffenberg.

Arthur e Hedwig von Schnitzler. Tra le foto, prese dal libro di Nottbrock, manca quella dell'ultima figlia Cornelia.

Questi dipinti sono andati perduti. Scrive Karl-Eduard von Schnitzler: Il suo genero non amato v. Sempre Karl-eduard von Schnitzler scrive: L'altro genero della zia Hedwig, v. Kries, era colonnello del Regno. Il 23 luglio venne arrestato dalla Gestapo mentre era in vacanza con la famiglia a Rostock, e giudicato dal Tribunale del Popolo, fu condannato a morte, pena portata a termine tramite l'impiccagione; venne infatti impiccato ad un gancio da macellaio.

Dal primo matrimonio nacquero due figli, Gerhard von Kries nel , e Maria Hedwig von Kries nel Cornelia e Hans-Jürgen von Blumenthal, sposatisi nel nel castello di Klink, ebbero un figlio, Hubertus von Blumenthal Esso ha mantenuto la struttura esterna originaria.

Ella von Schnitzler e il marito Willibald von Dirksen. Fu nominato ambasciatore a Danzica dal al , a Mosca nel , a Tokio nel , a Londra nel Dirksen veniva annoverato tra i diplomatici di spicco della Repubblica di Weimar, che si mostrarono critici nei confronti del movimento nazionalsocialista.

Tuttavia non lo fu abbastanza da dimettersi dall'incarico dopo la presa di potere di Hitler. Alla dichiarazione di guerra Dirksen si trovava in Germania e fu messo a riposo. La coppia ebbe quattro figli. Le figlie si sposarono con discendenti di sangue reale. Dal matrimonio nacque la figlia Elka nel I discendenti di Claes vissero tra Danzica e Königsberg, fino a che i nonni di Willy von Dirksen non si stabilirono a Berlino nel , dove nacque Willy.

Nato nell'agosto del a Colonia, mio padre aveva studiato Giurisprudenza dal al a Bonn e Berlino, nel era Referendario presso il regio Tribunale provinciale di Colonia e nel divenne Assessore. I suoi genitori gli regalarono per l'Abitur e l'Assessorato un grande viaggio intorno al mondo: Fu poi per breve tempo attivo nel Consolato generale di Londra e nel fu incaricato come Viceconsole a Shanghai.

Era in servizio quando il 20 luglio fu ammazzato il capo legazione tedesco von Ketteler. Nell'estate del fu nominato Console imperiale a Roma. Durante la grande inflazione perse tutto il suo patrimonio e dovette vendere la villa che aveva a Berlino-Dahlem.

Ma letture scientifiche e soprattutto sul determinismo biologico lo portarono al comunismo e a troncare i rapporti con la famiglia nel Dal al fu internato nei campi di lavoro sovietici. Sposato con Lieselotte Franke, ebbe due figlie ed un figlio.

Da questo matrimonio nacque l'unico figlio maschio Stephan. Dal al '40 fu soldato. Nel giugno del fu catturato dagli inglesi. Helene von Schnitzler e il marito Fritz von Harck. Di lei il nipote Karl-Eduard von Schnitzler ricorda: La zia Helene v. Harck il parco, tra la loro villa di Lipsia in Karl-Tauchnitz-Str. Zia Helene in ogni caso era chiaramente e a modo suo contraria al Nazionalsocialismo, anche se la sua opposizione non nasceva da motivi di classe, dal momento che alcuni aspetti le sarebbero piaciuti.

Questo era un fatto. Era il 4 novembre

greta brentano berlin fac sitting